GUIDA: Ecco come installare Android anche su iPod Touch 1G | iSpazio [AGGIORNATO]

Il nostro Daniele Campogiani, lo sviluppatore che cura la rubrica su “Come costruire WebApp per iPhone”, ha realizzato una guida che vi permetterà di installare Android sugli iPod Touch di prima generazione. Il tutto funziona egregiamente, includendo il dual-boot che ci permette di scegliere se avviare iPhone OS o Android.

.

Requisiti

  • iPod Touch 1G Jailbroken con firmware 3.1.2 (è necessario sbloccare il dispositivo con Blackra1n);
  • Ubuntu (è possibile anche virtualizzarlo sul proprio PC/Mac)
  • La release di iDroid (scaricabile cliccando qui)

Guida

1. Abbiamo bisogno, innanzitutto, di scaricare ed avere sotto mano i driver per il Touchscreen e la scheda di rete Wi-Fi. Scarichiamo, per prima cosa, i file per il Wi-Fi (cliccando qui) ed estriamo nella Scrivania (meglio creare una cartella apposita) il file “SD-8686-LINUX26-SYSKT-9.70.3.p24-26409.P45-GPL.zip”. Otterremo un altro file con estensione “.tar”. Estraiamo nuovamente per ottenere i due file “FwImage/helper_sd.bin” e “FwImage/sd8686.bin” posizionandoli sulla cartella precedentemente creata. Non ci resta altro da fare che rinominare il file “helper_sd.bin” in “sd8686_helper.bin”.

2. E’ il momento di procurarci il file per il Touchscreen. Colleghiamo il nostro iPod al Mac avviando il programma Dripwn (scaricabile cliccando qui). Questa applicazione ci permette di estrarre i driver che ci servono per salvarli in una cartella (sempre la stessa precedentemente creata) della nostra macchina. A questo punto, accediamo in SSH al nostro iPod fino all’indirizzo “private/var” e copiamo tutti i file di iDroid che abbiamo scaricato all’inizio. Per chiarezza sono, rispettivamente:

  • android.img.gz
  • cache.img
  • ramdisk.img
  • system.img
  • userdata.img
  • zlmage

3. Creiamo ora una nuova cartella dal nome “firmware” sempre in “private/var” copiandoci al suo interno tutti i driver procurati negli step precedenti. All’interno della cartella principale di Ubuntu, invece, creiamo una cartella di nome “idrod” in cui dovremo copiarci i file che troviamo nella cartella “openiboot”, presente nella release scaricata all’inizio. In alcuni casi il file “openiboot.img3” potrebbe non funzionare correttamente; per risolvere basta scaricare quest’altro file (cliccando qui) e sostituirlo a quello precedente.

4. Scarichiamo la libreria libusb-0.1.4 (cliccando qui) ed apriamo il Terminale. Digitiamo, quindi, i seguenti comandi ognuno seguito da un “Invio”.

cd ~/idroid
sudo ./loadibec openiboot.img3

In questo modo avvieremo OpeniBoot sul nostro iPod e potremo scegliere (tramite il tasto Power) che OS avviare (tenendo premuto per qualche secondo il tasto Home). Proviamo quindi ad avviare Android, anche se la procedura potrebbe impiegare diversi minuti.

5. Rimettiamo l’iPod in Recovery e colleghiamolo ad Ubuntu. A questo punto avviamo OpeniBoot con i comandi usati in precedenza:

cd ~/idroid
sudo ./loadibec openiboot.img3

Questa volta dovremo però avviare la console. Digitiamo quindi, sempre da Terminale:

sudo ./oibc

Così facendo vedremo il menù di OpeniBoot sul Terminale. Proseguiamo con:

install

In questo modo avvieremo l’installazione vera e propria. Una volta terminata basterà digitare “reboot” per riavviare il nostro device. La procedura ed il sistema operativo stesso non sono sicuramente esenti da bug.

.

Alcune note negative:

  • Alcune volte l’iPod trova le reti Wireless ma non riesce ad accederci;
  • Il dispositivo si riscalda parecchio eseguendo il sistema operativo di Google;
  • Il touch è leggermento spostato (tende a spostarsi più a sinistra).

.

Il nostro Daniele Campogiani, lo sviluppatore che cura la rubrica su “Come costruire WebApp per iPhone”, ha realizzato una guida…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: