Apple rimuove la possibilità di mettere una chiamata in attesa, per fare posto a FaceTime

Durante una qualsiasi telefonata eseguita tramite l’iPhone 4, gli utenti possono visualizzare una griglia composta da 6 icone che permettono di eseguire diverse funzioni. Tra queste troviamo esattamente le stesse dell’iPhone 3GS con l’aggiunta dell’icona per avviare FaceTime. Ovviamente questa novità ha comportato la rimozione dell’icona per la “chiamata in attesa”, di cui molti utenti non sono affatto contenti.

Dopo aver chiamato il centro assistenza Apple, non hanno ricevuto risposte soddisfacenti e quindi si sono rivolti direttamente a Steve Jobs per capire se c’è un modo alternativo per riuscire a mettere una chiamata in Attesa dato che attualmente è rimasto soltanto il tasto “Mute”.

Steve Jobs ha risposto ad un ragazzo ma gli ha detto qualcosa di alquanto errato. L’email infatti diceva cosi:

Hold doesn’t do anything more than Mute.

In sostanza per Steve la funzione di “Chiamata in Attesa” faceva esattamente la stessa cosa del tasto Mute ma in realtà non è così.

Come potete leggere dallo schemino, mettere una chiamata in Attesa significa isolare il microfono dei due interlocutori, bloccando ad entrambi la possibilità di parlare o ascoltarsi. La funzione “Mute” invece (l’unica presente sull’iPhone 4), riesce soltanto ad isolare il proprio microfono ma permette ancora di ascoltare quello che dice l’interlocutore dall’altra parte del telefono.

A quanto pare quindi non c’è una vera e propria soluzione per ottenere nuovamente quell’icona, a meno che non scegliate di disattivare FaceTime dalle impostazioni, una scelta sicuramente non “elegante”.

Durante una qualsiasi telefonata eseguita tramite l’iPhone 4, gli utenti possono visualizzare una griglia composta da 6 icone che permettono…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: