Apple brevetta un nuovo sistema di sicurezza per lo sblocco dell’iPhone tramite onde sonore

L’azienda di Cupertino continua incessantemente a brevettare nuove tecnologie per i suoi futuri prodotti. Tra i brevetti più recenti troviamo quello legato alla sostituzione del Touch ID con un sensore di rilevamento, che funziona con la diffusione delle onde sonore.

Sono ormai numerose le voci che sostengono la rimozione del tasto Home nei prossimi smartphone Apple. La sua scomparsa potrebbe rappresentare un problema anche per la sostituzione del Touch ID, l’attuale sistema di sicurezza, che riconosce le nostre impronte digitali. Anche su questo argomento abbiamo già avuto modo di segnalarvi diversi rumors, ad esempio quelli riguardanti allo sblocco del dispositivo tramite riconoscimento facciale.

Recentemente Apple ha brevettato un nuovo sistema di sicurezza, in grado di effettuare un riconoscimento biometrico, sfruttando le onde sonore. Questa tecnologia può essere facilmente integrata sia sulla scocca del dispositivo, che ad esempio nel pannello dedicato al display, dando maggiore libertà agli ingegneri Apple per la sua implementazione. Le onde sonore, propagandosi nelle vicinanze del dispositivo, rimbalzano sulla nostra mano. Grazie ad un sensore, capace di riconoscere la riflessione e diffrazione delle onde, il dispositivo sarebbe in grado di riconoscere i nostri dati biometrici.

Si tratta di una tecnologia piuttosto avanzata, che potrebbe vedere luce appena tra qualche anno. Per l’iPhone di quest’anno ci aspettiamo di qualcosa di più “semplice”, ma sopratutto meno costoso.

Via | MacRumors

L’azienda di Cupertino continua incessantemente a brevettare nuove tecnologie per i suoi futuri prodotti. Tra i brevetti più recenti troviamo…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
621
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: