Un bambino di 4 anni salva la vita alla madre chiedendo a Siri di chiamare i servizi di emergenza

Un bambino di soli 4 anni ha salvato la vita a sua madre, chiamando il numero di emergenza utilizzando Siri.

La notizia è stata resa  pubblica solo nelle ultime ore, anche se i fatti risalgono a inizio mese; il bimbo vedendo la propria madre cadere a terra dopo aver perso conoscenza, ha sbloccato l’iPhone tramite il Touch ID poggiando il dito della madre sul tasto home e chiedendo a Siri di chiamare i soccorsi.

Grazie alla prontezza di Roman, gli agenti sono arrivati in tempo all’indirizzo indicato dal bambino trasportando così la donna in ospedale dopo averla aiutata a riprendere conoscenza.

“Ascoltando questa chiamata si comprende l’importanza di insegnare ai bambini il loro indirizzo di residenza e come chiamare la polizia o i servizi di emergenza in una situazione di pericolo” ha dichiarato il sovrintendente capo Ade Adelekan dell’Unità di Comando e Controllo del Met, che gestisce le chiamate di emergenza.

Con un iPhone bloccato, è possibile contattare i servizi di emergenza senza prima sbloccarlo, scorrendo a destra sulla schermata di blocco e toccando “emergenza”. Siri è in grado di interpretare affermazioni come “Chiama i vigili del fuoco” o “Chiama il 112” per effettuare la chiamata,  avviando un conto alla rovescia di cinque secondi nel caso di errore.

È anche possibile contattare i servizi di emergenza utilizzando l’Apple Watch, tenendo premuto il pulsante laterale che farà apparire il cursore SOS Emergenze, che può essere utilizzato per effettuare la chiamata, nonché di inviare ai nostri contatti selezionati in precedenza un messaggio di testo con la posizione corrente.

Via | appleinsider

Un bambino di soli 4 anni ha salvato la vita a sua madre, chiamando il numero di emergenza utilizzando Siri….

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
86252
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: