iOS 10.3 risolve più di 300 importanti vulnerabilità nella sicurezza. Ecco perchè dovreste aggiornare

Ieri Apple ha rilasciato iOS 10.3 per tutti. Dopo 2 interi mesi e ben 7 versioni beta, siamo arrivati alla versione finale e stabile e noi vi consigliamo caldamente di aggiornare il vostro smartphone o il vostro iPad.

Il motivo è molto semplice: oltre ad aver incluso Find My AirPods, il nuovo Apple File System ed altri piccoli cambiamenti grafici, iOS 10.3 include ben 85 fix di vulnerabilità comuni, che aumentano in maniera notevole la sicurezza degli utenti.

Tutte le falle di sicurezza ormai risolte, sono state elencate dalla stessa Apple in questa pagina.

Per esempio, iOS 10.3 risolve un bug che permetteva a degli hacker di inviare dello Spam tramite Safari che faceva apparire il pop-ip “Cannot Open Page” senza possibilità di chiuderlo. C’è addirittura qualcuno che ha pagato gli hacker per riuscire a chiudere questo pop-up e riprendere il controllo del proprio browser (anche se in realtà bastava cancellare la cache di Safari).

Un altro bug risolto riguarda una vulnerabilità che consentiva ai malintenzionati di farvi credere di essere all’interno di un sito sicuro, protetto da https, mentre invece non era vero. Anzi, in aggiunta, poteva essere eseguito del codice malevolo in maniera nascosta e venivano aperte le porte per l’injection di altro codice da remoto.

Ci sono tante altre vulnerabilità di sicurezza che sono state risolte in iOS 10.3, compresi i nuovi tentativi della CIA di penetrare nel sistema operativo. Attualmente iOS 10.3 è quanto di più sicuro esiste sul mercato, quindi se non avete particolari motivi per non effettuare l’aggiornamento, eseguitelo quanto prima.

Ieri Apple ha rilasciato iOS 10.3 per tutti. Dopo 2 interi mesi e ben 7 versioni beta, siamo arrivati alla…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
21612
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: