Apple citata in giudizio per le applicazioni che forniscono dati personali per gli inserzionisti

Il 23 Dicembre, Apple è stata nuovamente citata in tribunale a causa di alcune applicazioni presenti all’interno dell’App Store che rivelano i dati personali degli utenti ai pubblicitari, senza aver dato il consenso.


La causa sostiene che i dispositivi Apple vengono utilizzati per “analizzare tutto ciò che gli utenti scaricano, con quale frequenza lo fanno e per quanto tempo utilizzano i software prima di eliminarli”. Inoltre, le informazioni generiche come l’età, il sesso e le visioni politiche, vengono vendute alle aziende pubblicitarie.

La causa non si limita ad Apple, ma cita anche i creatori di applicazioni popolari come Paper Toss, Pandora, The Weather Channel, e Dictionary.com ritenuti i maggiori responsabili, tra tanti altri. Apple, naturalmente, si difende affermando che rivede ogni applicazione che viene inserita nell’App Store per difendere la privacy degli utenti e rimuove qualsiasi applicazione che “ruba” i dati per scopi dannosi o pubblicitari.

Anche gli interessati alla causa difendono si difendono ed inoltre sostengono che chiunque abbia scaricato le loro applicazioni dal 1° Dicembre 2008 potrà essere soggetto di una “ricompensa”, tuttavia non è ancora  chiaro come si procederà.

Via| 9to5mac

Il 23 Dicembre, Apple è stata nuovamente citata in tribunale a causa di alcune applicazioni presenti all’interno dell’App Store che…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: