iPhone 7 esplode nell’abitazione di una donna cinese: fortunatamente la donna non era in casa

Non è certamente il primo caso di esplosione per gli iPhone 7 di Apple. Questa volta l’evento è successo in Cina, dove una donna ha lasciato il telefono in carica di fianco al letto. L’iPhone 7 nella colorazione “Matte Black” è esploso mentre era in carica, fortunatamente senza provocare danni alla proprietaria.

La proprietaria del nuovo iPhone 7 identificata esclusivamente con il nome Yin, ha recentemente condiviso questa sua esperienza. Accorgendosi che il suo smartphone era scarico, l’ha messo in carica di fianco al letto, per poi uscire per una passeggiata. Al suo ritorno a casa, la donna ha sentito un’esplosione, ma solamente dopo essere entrata in camera si è resa conto, che si trattava del suo iPhone 7.

Dopo aver spento le piccole fiamme provenienti dalla scocca, Yin ha portato il suo iPhone in un centro Apple, dove i dipendenti hanno riconosciuto lo smartphone come un modello originale ed ancora in garanzia. Aprendo la scocca del dispositivo, i dipendenti si sono accordi, che è stata la batteria a litio a provocare l’esplosione e a danneggiare gravemente anche gli altri componenti dell’iPhone.

Attualmente non conosciamo la causa di tale esplosione, ma tra quelle possibili non è da escludere l’utilizzo di un caricabatterie non originale. Apple ha avvertito più volte che tali dispositivi possono essere estremamente dannosi per gli iPhone e che possono provocare anche danni simili a quello riscontrato dalla donna cinese.

Via | CultOfMac

Non è certamente il primo caso di esplosione per gli iPhone 7 di Apple. Questa volta l’evento è successo in Cina,…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
1145
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: