L’iPhone del futuro avrà un’interfaccia predisposta per il linguaggio naturale

Prime novità dal Macworld 2011 che si sta tenendo a San Francisco. Bill Atkinson uno dei primi architetti dell’originale Macintosh, in un intervento ha affermato che in futuro non saremo più costretti a digitare sullo schermo dell’iPhone, l’interazione avverrà attraverso il linguaggio naturale.

A volte è piacevole immaginare cosa accadrà nei prossimi anni e fantasticare su come le nuove tecnologie cambieranno il nostro modo di vivere. Per tale motivo condividiamo con voi quest’articolo per riportarvi le parole di Atkinson, il quale durante un intervento al Macworld ha data una sua personale visione di come l’iPhone si evolverà nei prossimi anni.

L’iPhone del futuro sarà un dispositivo da tenere in tasca. Infatti sarà predisposto per funzionare con delle auricolari Bluetooth, equipaggiate di microfono, altoparlanti e videocamera, mediante le quali controlleremo il dispositivo. Inoltre le auricolari ci permetteranno tramite un apposito servizio Cloud di interagire con un assistente personale virtuale, il quale registrerà e vedrà tutto quello che vediamo con i nostri occhi.
La tecnologia utilizzata, sarà “semplicemente” il linguaggio umano, che secondo Atkinson sarà il futuro dell’interfaccia dei computer.

Sebbene al momento questa visione possa sembrare estremamente futuristica, se ci pensate un attimo non è cosi tanto impossibile che accada.

Il tempo necessario per raggiungere questi traguardi? Secondo Atkinson entro 10 anni. Voi cosa ne pensate?

Prime novità dal Macworld 2011 che si sta tenendo a San Francisco. Bill Atkinson uno dei primi architetti dell’originale Macintosh,…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: