Nuovo brevetto Apple: il futuro non è il multi-touch

Martedi Apple ha presentato l’ennesimo incredibile brevetto riguardante una nuova tecnologia che potrebbe in futuro essere implementata sui prodotti della Mela Morsicata. Le generazioni future di iPhone e iPad potrebbero essere controllati invece che tramite i tradizionali gesti Multi-Touch attraverso gesti reali senza la necessità di entrare in contatto con lo schermo.

Il brevetto riguarda esattamente “ un nuovo modo per individuare ed interpretare i gesti del mondo reale su un dispositivo con sensori predisposti a ciò

Esempi di gesti reali potrebbero essere ad esempio il pollice alzato o il pollice e l’indice che formano un cerchio (come in foto) per dare l’OK ad una serie di richieste. Nel brevetto troviamo inoltre la descrizione di un’opzione di sicurezza dove verrebbe richiesto all’utente di disegnare dei gesti personali per accedere al dispositivo o ad alcune informazioni.

Affinché il prodotto sia in grado di recepire questi gesti e il basso segnale da essi emanati, verrebbero introdotti degli adeguati sensori di prossimità.

Sembrerebbe che il brevetto sia stato creato da tali Wayne Carl Westerman e Myra Mary Haggerty, l’avrebbero presentato già nel lontano Giugno 2007, prima dello stesso iPhone.

Apple ha da sempre rivendicato la paternità delle tecnologie alla base dell’iPhone e dell’iPad ed è sempre stata costretta a difenderla da numerosi tentavi di aziende concorrenti che di volta in volta ne rivendicavano il diritto.

Via | AppleInsider

Martedi Apple ha presentato l’ennesimo incredibile brevetto riguardante una nuova tecnologia che potrebbe in futuro essere implementata sui prodotti della…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: