Android sta rallentando la crescita dell’iPhone

Secondo gli ultimi dati,relativi al trimestre passato, la quota di mercato dell’iPhone sta lentamente diminuendo a causa della maggiore competizione da parte dei dispositivi Android.

Il mercato degli smarphone è in continua crescita, come dimostra l’aumento del 75% delle unità vendute nel quarto trimestre 2010 (94 milioni di pezzi che segnano un nuovo record). In questo contesto Apple continua ad avere un certo vantaggio sui principali concorrenti (RIM e Nokia): le vendite di iPhone in tutto il mondo hanno raggiunto quota 16,2 milioni, quasi raddoppiando le precedenti 8,7 dello scorso anno.

Le ragioni di questo incredibile successo, secondo l’analista Neil Mawston, “sono la forte rete di fornitori sui quali Apple fa affidamento e le azioni globali di co-marketing”. Tuttavia la crescente competizione dei dispositivi che utilizzano Android, come Samsung,Motorola o HTC, si è fatta sentire, rallentando la crescita dell’iPhone nello scorso anno.”

La controprova arriva da AT&T che riporta di aver attivato 4,1 milioni di iPhone nell’ultimo trimestre, contro i 5,2 registrati nel precedente.

Sebbene una flessione possa essere più che naturale, diversi analisti avvertono che il 2011 potrebbe essere un anno difficile per Apple. La crescente competizione portata avanti da Android, i cambiamenti in atto da parte di Nokia e le diverse vertenze relative a brevetti, potrebbero rappresentare per Apple una serie di ostacoli non di poco conto.

Tuttavia tutte queste minacce potrebbero venir spazzata via da un nuovo fantastico ed incredibile prodotto ( iPhone 5? ) proprio come Apple ci ha abituato a fare negli ultimi anni.

Via | Computerworld

Secondo gli ultimi dati,relativi al trimestre passato, la quota di mercato dell’iPhone sta lentamente diminuendo a causa della maggiore competizione…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: