Confessions: Un’applicazione religiosa, mal vista dal Vaticano.

[app 416019676]

Confession è un’applicazione per iPhone che in questi giorni sta facendo veramente discutere tutti. Simula infatti l’azione di un sacerdote e ci permette di analizzare la nostra coscienza, elencando tutti i peccati che abbiamo commesso, facendoci pentire ed ottenendo una sorte di redenzione. [appscreens 416019676]

L’applicazione (in inglese) è stata sviluppata in collaborazione con un Reverendo degli Stati Uniti, ma in Italia l’applicazione non viene riconosciuta valida dal Vaticano, che disprezza ogni tipo di software elettronico creato per sostituire tutte quelle azioni che solo un vero sacerdote può e deve compiere.

Ecco le dichiarazioni del direttore della sala stampa Vaticana, padre Federico Lombardi:

Il sacramento della Penitenza richiede necessariamente il rapporto di dialogo personale tra il penitente e il confessore, e l’assoluzione da parte del confessore presente”. Non solo l’iPhone non può essere ricettore della confessione, ma soprattutto non può assolvere il peccatore. Al di là dell’evidenza dell’impossibile digitalizzazione di un sacramento, un algoritmo in grado di proporre penitenze circostanziate è al momento impensabile. Il rapporto con la figura del confessore è irrinunciabile.

Grazie dott. Vito Codeluppi

[app 416019676] Confession è un’applicazione per iPhone che in questi giorni sta facendo veramente discutere tutti. Simula infatti l’azione di…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: