Alcuni lavoratori Cinesi avvelenati chiedono aiuto ad Apple

Alcuni dipendenti della Wintek, uno dei tanti fornitori della Apple, hanno chiesto l’intervento di quest’ultima per controllare le precarie condizioni nelle quali sono costretti a lavorare. Sembrerebbe che il continuo contatto con fattori chimici provochi dei gravi danni alla loro salute.

Il problema è dovuto all’idruro esil, una sostanza chimica utilizzata dalla Wintek tra il Maggio 2008 e l’Agosto 2009 al posto del tradizionale alcohol, per accelerare la produzione di schermi capacitivi. Che a quanto pare  ha portato ben 137 lavoratori della Wintek al ricovero in ospedale. Attraverso una lettera aperta, pubblicata su un giornale Cinese, alcuni dipendenti hanno fattoriferimento alla sostanza come ad “un killer invisibile che ti colpisce”.

I sintomi dell’avvelenamento causato da questa sostanza includono improvviso torpore nelle mani, gonfiore e dolore ai piedi, stanchezza e debolezza. Un’esposizione prolungata può portare, inoltre, a danni permanenti ai nervi o agli occhi.

Nel recente report dei fornitori, pubblicato qualche tempo fa dall’azienda di Cupertino, si faceva riferimento agli avvelenamenti e all’utilizzo dell’idruro esil che però era poi stato interrotto nelle fabbriche della Wintek. Tuttavia i dipendenti stanno adesso sostenendo che la Wintek non abbia dato loro il necessario risarcimento per l’accaduto, anzi sembra che l’azienda abbia cercato di forzare i lavoratori affetti dall’avvelenamento a dimettersi e si sia rifiutata di offrire loro una copertura assicurativa per il costo dei trattamenti medici ai quali gli stessi si erano dovuti sottoporre. Per tale motivo è stato quindi richiesto l’intervento della Apple, la quale al momento non ha rilasciato alcun commento a riguardo.

Via | CultofMac

Alcuni dipendenti della Wintek, uno dei tanti fornitori della Apple, hanno chiesto l’intervento di quest’ultima per controllare le precarie condizioni…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, seguici su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter e su Instagram, pronti a sorprenderti con belle foto. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:
Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.