Spotify e Warner Music vicine ad un accordo: in arrivo le esclusive per gli utenti Premium?

Spotify, la piattaforma di streaming musicale attualmente più utilizzata, è vicina a stringere un accordo con Warner Music Group. Questo potrebbe rendere gli album degli artisti sotto contratto con l’etichetta disponibili solo per gli utenti Premium (€9,99 al mese). Già ad inizio anno si parlava di possibili esclusive per gli utenti in abbonamento, e questa potrebbe essere l’occasione giusta per lanciare la novità.

Spotify

L’accordo tra Spotify e Warner Music “potrebbe essere firmato entro Settembre”, ha rivelato una fonte a Reuters. Questa ha riferito che le parti più importante dell’accordo sono state già discusse, come appunto le esclusive. I dettagli economici e l’elenco degli artisti inclusi nell’accordo non sono stati rivelati.

Per quanto riguarda la divisione dei ricavi, Spotify si dice voglia optare per una divisone 50/50 delle royalties degli album ascoltati in streaming sulla piattaforma, ma la Warner vorrebbe ottenere almeno il 52%.

A Giugno, Spotify ha annunciato di aver raggiunto i 140 milioni di utenti attivi al mese, 53 milioni dei quali sono Premium. Stando ai dati comunicati da Reuters nel rapporto, queste cifre rappresentano il 40% degli abbonati alle piattaforme in streaming di tutto il mondo. Facendo un confronto, Apple Music detiene il 19% degli abbonati (circa 28 milioni), mentre Amazon Prime Music il 12% (circa 16 milioni).

Via | MacRumors

Spotify, la piattaforma di streaming musicale attualmente più utilizzata, è vicina a stringere un accordo con Warner Music Group. Questo potrebbe…


Iscrivetevi al canale cliccando il tasto.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
472
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: