Apple dopo Charlottesville: lettera aperta di Tim Cook ed Apple Pay disabilitato sui siti che vendono accessori nazisti e razzisti

Apple ha disabilitato il supporto ad Apple Pay sui siti che vendono capi d’abbigliamento e accessori legati al nazismo e al concetto di supremazia bianca, riporta BuzzFeed. In aggiunta, il CEO di Apple Tim Cook ha pubblicato una lettera aperta riguardante i recenti avvenimenti accaduti nella città di Charlottesville, in Virginia.

apple peace

Apple non ha commentato la decisione di disabilitare il supporto ad Apple Pay sui siti legati agli argomenti prima citati, ma un portavoce dell’azienda di Cupertino ha reso noto che il nuovo servizio non può essere utilizzato su siti che promuovono l’odio, l’intolleranza, e la violenza basata sulla razza, l’età, il genere, l’etnia, la religione e l’orientamento sessuale.

«Mercoledì, Apple ha confermato a BuzzFeed News di aver disabilitato il supporto ad Apple Pay su numerosi siti che vendono felpe con il logo nazista, t-shirt con su frasi stampate come “White Pride” e diversi adesivi dello stesso argomento.

Apple ha rimosso il supporto ad Apple Pay da siti poco noti come AmericanVikings.com e VinlandClothing.com, con il secondo che vende capi d’abbigliamento con loghi nazisti.»

La decisione di Apple arriva dopo la marcia “Unite the Right” di Charlottesville, in Virginia, con i violenti atti di suprematisti bianchi e nazisti. Una persona è morta, e altre 19 sono rimaste ferite dopo che uno dei suprematisti bianchi si è gettato con un’auto tra la folla.

Apple non ha rilasciato un comunicato ufficiale, ma il CEO dell’azienda Tim Cook ha oggi scritto una lettera aperta ai suoi dipendenti, condivisa da BuzzFeed. L’azienda donerà 1 milione di dollari al Southern Poverty Law Center e alla Anti-Defamation League, e non solo.

«Squadra,

Come per molti di voi, l’uguaglianza è alla base della mia fede e dei miei valori. Gli eventi degli ultimi giorni sono stati terribili per me, e ho saputo di molte persone alla Apple tristi, indignate o confuse.

Ciò che è successo a Charlottesville non deve appartenere al nostro paese. L’odio è un cancro, e lasciato incontrollato distrugge tutto al suo passaggio. Lascia cicatrici sulle ultime generazioni. La storia ce l’ha insegnato questa volta e altre ancora, sia negli Stati Uniti che negli altri paesi del mondo. Non dobbiamo assistere o permettere tanto odio e intolleranza nel nostro paese, e dobbiamo essere inequivocabili su tale questione. Non si tratta di destra o sinistra, conservatori o liberali. Riguarda la decenza e la moralità umana. Non sono d’accordo con il presidente o con altri che credono che ci sia uguaglianza tra suprematisti bianchi e nazisti, e coloro che a loro si oppongono in difesa dei diritti umani. Mettere alle pari le due parti va contro i nostri ideali come Americani.

Per quanto riguarda le nostre ideologie politiche, dobbiamo tutti stare uniti su questo punto — che siamo tutti uguali. Come azienda, attraverso le nostre azioni, i nostri prodotti e le nostre voci, dobbiamo sempre lavorare per assicurarci che tutti vengano trattati allo stesso modo e con rispetto. Credo che Apple ha dato l’esempio, e dobbiamo fare in modo che sia ancora così. Abbiamo sempre dato il benvenuto a persone con differenti percorsi di vita nei nostri store in tutto il mondo e abbiamo mostrato loro che Apple è di tutti. Noi diamo il potere alle persone di condividere i propri punti di vista ed esprimere se stessi tramite i nostri prodotti.

Alla luce dei tragici e ripugnanti eventi di Charlottesville, ci stiamo muovendo per aiutare le organizzazioni che operano per liberare il nostro paese dall’odio. Apple contribuirà con 1 milione di dollari cad. al Southern Poverty Law Center e alla Anti-Defamation League. Aggiungeremo inoltre le donazioni due-per-uno dei nostri dipendenti a queste e a tante altri gruppi per la difesa dei diritti umani, tra oggi e il 30 Settembre. Nei giorni a seguire, iTunes offrirà agli utenti un modo semplice per unirsi a noi nel supporto diretto del lavoro del SPLC.

Dr. Martin Luther King disse, “Le nostre vite cominciano a finire il giorno in cui stiamo zitti di fronte alle cose che contano.” Quindi, noi continueremo a dire la nostra. Questi sono stati giorni terribili, ma resto ottimista come sempre su un futuro luminoso. Apple può e giocherà un ruolo importante nell’apportare cambiamenti positivi.

Cordialmente,

Tim»

Via | MacRumors

Apple ha disabilitato il supporto ad Apple Pay sui siti che vendono capi d’abbigliamento e accessori legati al nazismo e…


Iscrivetevi al canale cliccando il tasto.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
75
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: