In futuro gli iPod potrebbero essere alimentati dal battito cardiaco

Dopo la notizia di possibili ritardi nella produzione della linea di player musicali per le note vicissitudini in Giappone, The Telegraph ha pubblicato un interessante articolo secondo il quale, lo sviluppo di un chip in grado di generare energia attraverso semplici movimento del corpo, potrebbe essere alla base dei nuovi iPhone e iPod.

Il nuovo chip, “migliaria di volte più potente” dei precedenti prototipi e basato su un nanogeneratore, sarebbe in grado di creare energia attraverso dei microscopici movimenti del corpo umano, come ad esempio il battito cardiaco o il pizzico di un dito. Secondo gli scienziati questa nuova tecnologia prima o poi verrà implementata nei dispositivi mobili per eliminare la dipendenza da batterie e fonti di alimentazione.

Il team, che ha presentato la scoperta al National Meeting & Exposition dell’American Chemical Society, ha utilizzato il chip per alimentare uno schermo LCD e per trasmettere il segnale radio una volta che l’energia generata era stata immagazzinata.

Sebbene al momento si tratti solo di una fase iniziale nello sviluppo di una così potente tecnologia, nulla ci vieta di pensare ai possibili utilizzi da parte di Apple. Si potrebbe, ad esempio, combinare questi chip con la scoperta dei pannelli solari per sviluppare dei nuovi iPod e iPhone che si alimentano attraverso i raggi solari e il nostro corpo. Senza contare che senza la necessità di una batteria, Apple, già famosa per l’incredibile design dei suoi prodotti, potrebbe creare dei nuovi dispositivi ancora più leggeri e sottili.

 

Via | 9to5Mac

Dopo la notizia di possibili ritardi nella produzione della linea di player musicali per le note vicissitudini in Giappone, The…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: