Apple intenzionata a far rispettare le regole che coinvolgono i Contest in cui vengono messi in palio dei prodotti ufficiali

Apple è una società che sin dal principio va avanti secondo delle regole molto rigide che nella stragrande maggioranza dei casi vengono applicate alla lettera. Relativamente ai concorsi però, queste regole non sempre sono state rispettate e quindi la società ha deciso di impegnarsi al fine di bloccare alcuni contest che mettono in palio iPad, iPhone ed altri prodotti Apple in maniera “errata”.

In particolare, attraverso un PDF, Apple ha diramato le precise istruzioni che permettono di creare un contest in maniera corretta.

Nel documento si legge che è vietato l’utilizzo della parola “free” (gratis) in relazione a qualsiasi prodotto Apple per cui è corretto dire “Partecipate per vincere un iPhone” mentre non si può assolutamente scrivere un qualcosa del tipo “Partecipate per ottenere un iPhone gratis“. Il motivo di questa scelta sta nel fatto che la Apple vuole mantenere alta la propria reputazione e collegare la parola gratis accanto ad un prodotto, in qualche modo lo svaluta, facendolo sembrare comune e riducendone il fascino.

Sempre tra le regole si legge che in nessun modo l’articolo, la mail o il mezzo utilizzato per la diffusione del contest, deve lasciare intuire all’utente che sia la stessa Apple a mettere in palio l’oggetto. Apple non farà mai contest su canali esterni a quelli ufficiali per cui va sempre specificato chi è il vero promotore del concorso o chi mette in palio l’oggetto in questione.

Il gadget va obbligatoriamente acquistato attraverso un negozio ufficiale, che sia online un Retail oppure un Reseller. Il premio non può essere acquistato su eBay, Amazon, nè qualsiasi altro posto, tanto più se lo offrono ad un prezzo inferiore a quello ufficiale.

Le immagini utilizzate per il contest devono essere quelle ufficiali. E’ anche possibile scattare una propria foto del premio in palio, facendo però attenzione a diverse regole. Una foto del prodotto scattata con la propria digitale infatti, deve ritrarlo su uno sfondo semplice, con lo schermo acceso sulla Springboard che non può essere alterata in nessun modo con immagini personalizzate. Anche il dispositivo non deve essere tagliato o ridimensionato poichè potrebbe risultare più lungo o più spesso del normale.

Tra i vari divieti troviamo anche quello nell’utilizzo del font Myriad Apple, utilizzato dalla società sul sito ufficiale e in altri documenti in maniera tale da non ingannare l’utente con un’immagine dalla grafica simile a quella che siamo soliti vedere attraverso il sito Apple.

E’ inoltre vietato qualsiasi tipo di concorso che mette in palio dei dispositivi vecchi, come ad esempio un iPhone 3GS o un iPod Touch di terza generazione quando sappiamo che in commercio sono già disponibili sia l’iPhone 4 che l’iPod Touch 4G.

Infine non sono più ammessi concorsi che regalano iPad o iPhone agli utenti che diventano clienti di un’altra società. Ad esempio chi apre un conto in banca. Apple ci tiene a non essere in nessun modo “strumentalizzata” da società terze, che otterrebbero nuovi clienti (e quindi dei guardagni) perchè attratti dall’idea di ottenere gratuitamente i dispositivi di Cupertino. A questa regola esistono però delle eccezioni relative agli iPod Touch che possono essere messi in palio senza problemi a patto che il concorso preveda un give away di almeno 250 unità oppure che il concorso sia stato presentato alla stessa Apple e che la società lo abbia approvato!

Insomma, le regole sono abbastanza rigide ed anche in “semplici” contest sembra che la società californiana voglia ottenere il controllo, talvolta per la salvaguardia del proprio prestigio, e altre volte per pura mania!

Via | Fortune

Apple è una società che sin dal principio va avanti secondo delle regole molto rigide che nella stragrande maggioranza dei…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: