La mania del Planking fa perdere il posto di lavoro a un dipendente Apple!

Qualche settimana fa, in un nostro articolo riguardante il Planking che consiste nel fotografarsi con la faccia a terra nei posti più strani, pubblicammo alcune foto di diversi dipendenti Apple Retail intenti a praticare questa nuova “mania” all’interno degli Apple Store o nei “retrobottega” dei punti vendita per i quali lavorano. Fare planking negli Apple Store, però, può essere pericoloso. Soprattutto se sei un Genius.

Paul Phillips, fu il primo di una lunga serie e a quanto pare è anche il primo ad essere stato licenziato dopo che il suo manager si accorse che si era sdraiato a faccia in giù su un bancone normalmente destinato alla riparazione dei Mac.

Il Genius dice di non portare rancore. Sa di aver sbagliato e sostiene di essere ancora un fan convinto di Apple. Verso la divisione Retail, tuttavia, i sentimenti che esprime sono altri, sicuramente meno positivi:

E’ stato un anno divertente alla Apple ma ad essere onesto mi sento come se mi fossi tolto un grosso peso dalle spalle. Quel lavoro faceva schifo. Apple si aspetta che i propri dipendenti facciano il lavoro di 2 o 3 persone contemporaneamente ma paga i Genius meno di 30.000 dollari all’anno (e siamo fra i più pagati). Sono una corporation diretta da parrucconi che si atteggiano da alterna.

Forse non sarà grave come cadere nel vuoto verso morte certa come successo ad un ragazzo australiano qualche tempo fa, ma in ogni caso una moda del genere, per quanto diffusa, forse andrebbe praticata con più buon senso anche se di buon senso in questa cosa non ce ne è poi molto.

Via | iFoAppleStore

Qualche settimana fa, in un nostro articolo riguardante il Planking che consiste nel fotografarsi con la faccia a terra nei posti…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: