Horace Dediu: in 3 anni il mercato delle Applicazioni frutterà ad Apple più di quello musicale

Il portale Cult Of Mac ci riporta una notizia sicuramente interessante. Stando ad una predizione di un analista, per il 2015 il rendimento della vendita di applicazioni supererà quello dei download musicali da iTunes.

Nonostante l’aumento delle vendite dei brani attraverso iTunes sia cresciuto, la domanda per le applicazioni continua ad aumentare. Queste le dichiarazioni dell’analista indipendente Horace Dediu:

Osservando le linee di tendenza sembrerebbe che il rendimento del mercato delle applicazioni supererà quello musicale entro un periodo di 3 anni.

Dediu sarebbe  arrivato a questa proiezione non solo osservando i rapporti trimestrali di Apple ma anche in base alle dichiarazioni fatte da Steve Jobs durante la WWDC 2011. Nonostante iTunes abbia iniziato a vendere applicazioni da soli 3 anni, ogni account ha effettuato un numero di download pari a 62 applicazioni contro 67 brani musicali: “Una parità degna di nota raggiunta in poco tempo”, aggiunge Dediu. Combinando le vendite di applicazioni e brani musicali risulta che Apple abbia guadagnato €16,6 miliardi di dollari dall’apertura dell’iTunes Store.

Sicuramente tali guadagni sono destinati a crescere anche grazie all’introduzione del Mac App Store. I primi segni di questo aumento potranno essere verificati a Luglio, quando Apple venderà Lion esclusivamente attraverso l’App Store. Inoltre, contribuiranno anche le applicazioni presenti sul Mac App Store grazie ai prezzi tendenzialmente  maggiori rispetto all’App Store.

E’ importante sottolineare che le proiezioni di Dediu non comprendono le vendite derivate dagli e-book e dal mercato dei video.

Voi invece? State acquistato più applicazioni o più musica in questo periodo?

Via | CultofMac

Il portale Cult Of Mac ci riporta una notizia sicuramente interessante. Stando ad una predizione di un analista, per il…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: