Un sondaggio rivela i servizi preferiti dagli utenti per i contenuti video online.

19/06/2011

Un recente sondaggio, effettuato dall’analista Mark Mahaney della Citigroup Inc. su utenti che utilizzano servizi dedicati ai contenuti video online, ha rivelato che Apple non è riuscita a conquistare questo settore così come ha fatto con quello della musica. Vediamo insieme perchè.

Alzi la mano chi almeno una volta ha comprato o affittato film o show televisivi su iTunes. Se l’applicazione multimediale di Cupertino è praticamente onnipresente nel campo della musica digitale, non si può dire lo stesso per quanto riguarda l’universo dei video online.

Agli utenti selezionati per il sondaggio è stato chiesto di scegliere fino a cinque siti preferiti per la visione o il download di video gratis o a pagamento. Solo il 9,8% ha scelto iTunes mentre una porzione ancora più bassa preferisce i film on-demand di Amazon (7,3%). Come dimostrato dal sondaggio, YouTube e Facebook detengono il primato rispettivamente con il 69,3% e il 27,1%, ma solo grazie alla diffusione di contenuti esclusivamente gratuiti. Netflix e Hulu, sempre secondo il sondaggio, sarebbero però i leader nell’intrattenimento video di alta qualità con il 24,5% e il 22% di share.

Aggiungono gli analisti che, se YouTube entrasse nel mercato dei contenuti a pagamento, sarebbe la destinazione preferita degli utenti e conquisterebbe una quota da leoni del mercato. Quest’ultimo dato, tuttavia, è da prendere con le dovute precauzioni, in quanto semplicemente il frutto di uno studio analitico.

Se prendiamo in considerazione solo i servizi di download a pagamento, però, i dati assumono un’altra faccia. Secondo un’indagine portata avanti l’anno scorso da IHS iSuppli, il mercato online di film made in USA sarebbe comandato da iTunes con il 64,5%, contro i soli 17,9% e 7,2% di Microsoft e Sony.

Ad influire sugli scarsi risultati di iTunes ci sarebbero diversi “problemi”. Per cominciare, i film vengono venduti protetti dalla tecnologia FairPlay per la gestione dei diritti digitali. Ciò implica che la loro riproduzione è limitata ai soli dispositivi autorizzati (si tratta di un requisito imposto dai proprietari dei contenuti piuttosto che dalla Apple stessa). Un altro problema è che iTunes non fornisce attualmente contenuti in FullHD (1080p) e la sua selezione di video ad alta qualità, seppure più ampia rispetto alla concorrenza, lascia comunque a desiderare.

In buona sostanza, l’indagine non ci dice nulla di nuovo: YouTube è il servizio di gran lunga preferito per la visione di video online, mentre iTunes domina solo la porzione dei download video, non riuscendo ad imporsi sul mercato on-demand. Una ricerca abbastanza complessa che a mio parere sarebbe dovuta essere maggiormente differenziata escludendo i servizi gratuiti che, ovviamente, richiamano la maggiorparte dell’utenza del web. Voi cosa ne pensate?

Via | 9to5mac

Un recente sondaggio, effettuato dall’analista Mark Mahaney della Citigroup Inc. su utenti che utilizzano servizi dedicati ai contenuti video online, ha rivelato…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:
Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.