iCloud sarà come l’ossigeno per gli utenti iPhone?

Una nuova indagine dichiara che quasi tutti i possessori di iPhone utilizzeranno i nuovi servizi introdotti da iOs5 iCloud ed iMessage. Tuttavia questi stessi servizi, potrebbero creare dipendenza ed essere addirittura vitali per i consumatori.

Secondo RBC Capital Markets, circa il 76% degli utenti iPhone, molto probabilmente utilizzerà iCloud con l’arrivo di iOS5. Inoltre quasi tre su quattro dei possessori di iPhone adotterà iMessage per scambiare messaggi con gli utenti iOS 5. Due nuovi servizi, completamente gratuiti, che la società californiana si accinge a rendere disponibili. Infatti l’unico guadagno, per Apple, proverrà dai 25$ annuali del servizio di streaming musicale iTunes Match.

Tuttavia, i risultati dell’indagine non mostrano come cambieranno le nostre abitudini con l’utilizzo di iCloud. L’archiviazione dei brani, la sincronizzazione con tutte le foto delle nostre vacanze, la possibilità di mandare messaggi gratuitamente a tutti i nostri amici con iOS5, renderanno la nostra vita ancor più legata di come lo è ora ad i prodotti di mamma Apple, la quale forse punta proprio a questa sorta di assuefazione. Sarà davvero così difficile abbandonare il nostro iPhone se non per il modello successivo?

Ad ogni modo tutti questi servizi appartengono al mondo di oggi: internet e musica fanno sempre più parte della nostra vita. Apple sta solo cercando di rendere il tutto più semplice e nessuno ci vieta di spegnere i nostri device e staccare la spina.

Via | Cult of Mac

Una nuova indagine dichiara che quasi tutti i possessori di iPhone utilizzeranno i nuovi servizi introdotti da iOs5 iCloud ed…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: