Riconosciuto ad Apple il brevetto sul comportamento delle pagine Web durante lo scrolling

In questi due giorni le notizie sui brevetti aggiudicati da Apple sono stati numerosi e le implicazioni per il futuro del mercato degli Smartphone molteplici. In questo quadro contestuale si aggiunge ora un altro successo per l’azienda Californiana: è stato infatti riconosciuto un brevetto sul comportamento delle pagine Web durante lo scrolling verticale.

Tuttavia le conseguenze per i competitors di Apple non sono così ovvie come si potrebbe pensare. Stando a quanto affermato da un autore di Thisismynext:

Così Apple ha ricevuto un altro brevetto oggi, e si è creato l’ennesimo caos mediatico riguardo al fatto che Cupertino possa o meno fare causa a tutti i produttori sul mercato, o almeno in quello degli smartphone touchscreen. E, come al solito, la maggior parte dell’isteria è basata su una fondamentale errata interpretazione di quello che il brevetto realmente dice, e quali comportamenti compre in iOS. Non capisco come mai continuiamo a ripetere questo triste ciclo, ma quello che sò è che è sempre meglio leggere i testi dei brevetti da soli per capirne il contenuto che, in questo caso, è molto limitato

Quello che i media hanno dipinto come un brevetto in grado di causare il caos tra le aziende in competizione con Apple in realtà si riferisce a dei frame all’interno di una webpage il quale scopo è quello di mostrare altro contenuto. Per fare un esempio  Nilay cita un embed di Google Maps e, continua, per infrangere questo brevetto le compagnie dovranno far coincidere i propri prodotto con i tantissimi criteri presenti.

Via | Thisismynext

In questi due giorni le notizie sui brevetti aggiudicati da Apple sono stati numerosi e le implicazioni per il futuro…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: