Applicazione contro Israele rimossa dall’App Store

L’applicazione chiamata ThirdIntifada (Terza Intifada) contenente riferimenti contro Israele è stata rimossa dall’App Store in seguito alle proteste avanzate da dallo stesso Paese. Il termine Intifada infatti, è di origine araba e letteralmente significa “rivolta” ma, nell’uso comune, indica soprattutto il movimento rivolto a porre fine alla presenza di Israele nei territori della Palestina.

L’applicazione era stata pubblicata qualche giorno fa sull’App Store ed Apple ha dovuto precipitarsi a rimuoverla dopo le proteste ufficiali dello Stato di Israele e del famoso centro Wiesenthal.

L’immagine che Apple si è creata è stata quindi messa ancora una volta a dura prova, soprattutto per quel che riguarda il sistema di approvazione delle applicazione su App Store, ritenuto molte volte troppo superficiale. ThirdIntifada era un’applicazione per offrire informazioni e consigli su come organizzare le rivolte contro Israele, in contrasto con quanto stabilito nella sezione 19 delle linee guida stilate da Apple per l’App Store:

“Applicazioni che includono riferimenti o commenti su un gruppo religioso, culturale o etnico che sono diffamatorie, offensive, inadeguate o che possono esporre uno specifico gruppo a danni o alla violenza saranno respinte.”

Un caso quasi simile a questo si era verificato anche a marzo quando sull’App Store era apparsa l’applicazione Gay Cure che prevedeva una serie di consigli e una terapia omeopatica studiata per guarire le persone dall’omosessualità. In quel caso si era sollevata la protesta delle associazioni gay di tutto il mondo, costringendo Apple a rimuoverla dallo Store.

Via | Macity

L’applicazione chiamata ThirdIntifada (Terza Intifada) contenente riferimenti contro Israele è stata rimossa dall’App Store in seguito alle proteste avanzate da…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: