Argentina e Brasile bloccano le vendite di iPhone e BlackBerry

30/06/2011

Argentina e Brasile, ultimamente, hanno adottato una serie di norme protezionistiche al fine di diminuire l’inflazione e stabilizzare la parità tra la moneta locale e il dollaro, evitando inoltre il surplus di prodotti. A perderci saranno soprattutto Apple e RIM.

Questi provvedimenti impediscono la commercializzazione di prodotti alle aziende che non producono nei suddetti paesi. Tra queste figurano anche Apple e RIM che attualmente non possiedono per i loro device un certificato d’origine. Questa certificazione si può ottenere solo se le società aprono degli stabilimenti in loco, in questo modo avrebbero il consenso per la vendita sul territorio argentino e brasiliano.

Già alcune aziende tra cui Alcatel, Nokia, LG, Motorola, Sony Ericsson e ZTE hanno risolto il problema creando aziende in questi paesi. RIM sembra in cerca di un partner per ottenere la certificazione, mentre le intenzioni di Apple non sono ancora chiare. A settembre aprirà sicuramente uno stabilimento per la produzione di iPad in Brasile, mentre in Argentina, nonostante le dimensioni del paese, non sembra avere lo stesso interesse di RIM che detiene quote di mercato ben più alte.

Via | BlackBerryItalia

Argentina e Brasile, ultimamente, hanno adottato una serie di norme protezionistiche al fine di diminuire l’inflazione e stabilizzare la parità…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:
Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.