Apple comincia a inviare i primi rimborsi per MobileMe!

Come ben saprete Apple durante il WWDC 11 ha presentato iCloud, un nuovo servizio di cloud computing disponibile in autunno che permetterà a tutti i possessori di iDevices di archiviare automaticamente i propri contenuti multimediali. Come detto da Steve Jobs durante il corso dell’evento, questo servizio sostituirà completamente MobileMe, che cesserà di funzionare entro un anno. Per questo motivo chiunque abbia attivato un account MobileMe a pagamento può già da ora chiedere un rimborso.

David W. Martin di Cult of Mac ha pubblicato un’immagine relativa all’assegno ricevuto da Apple nelle scorse settimane a fronte del rimborso del proprio account MobileMe. Egli infatti, aveva richiesto tale rimborso mediante l’utilizzo del portale relativo al supporto utenti di Apple .
Riportiamo ora un estratto relativo alla verifica dell’idoneità al rimborso:

Come posso verificare la mia idoneità al rimborso?
Se hai acquistato una confezione MobileMe e il codice di attivazione non è stato utilizzato per avviare o rinnovare un’iscrizione MobileMe, potresti essere idoneo al rimborso. Per determinare il tipo di rimborso applicabile, leggi le informazioni seguenti.

Tutte le richieste di rimborso della confezione MobileMe devono essere inviate entro il 30 giugno 2012.”

Invitiamo quindi tutti coloro che sono in possesso di una confezione MobileMe non ancora utilizzata di effettuare tale richiesta per ricevere un rimborso completo, mentre per coloro che sono inscritti ed hanno utilizzato il servizio per più di 46 giorni è possibile richiedere il suo annullamento ed ottenere un rimborso pari in proporzione ai mesi restanti.

Se il codice di attivazione è stato utilizzato per più di 46 giorni
Riceverai un rimborso ripartito in proporzione, esclusi i costi di spedizione o gli sconti applicati all’acquisto originario.”

Come ben saprete Apple durante il WWDC 11 ha presentato iCloud, un nuovo servizio di cloud computing disponibile in autunno…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: