Ogni utente iPhone scaricherà una media di 83 App entro la fine del 2011

Un’interessante ricerca, condotta da Gene Munster, analista della banca d’affari Piper Jaffray, studia il mercato dei dispositivi di casa Apple e vede al rialzo le cifre di vendita delle applicazioni.

Nel corso del 2010, un utente tipo che utilizza dispositivi iOS, ha scaricato in media 51 app. Nel 2011 le stime prevedono una netta crescita di questo segmento di mercato e sottolineano che ci sarà sempre più propensione verso le applicazioni a pagamento. Quest’anno infatti, ogni utente scaricherà una media di 83 app sui propri dispositivi e sempre meno, di quelle scaricate, saranno gratuite.

Secondo la Piper Jaffray, i download dall’App Store cresceranno del 61% nell’arco dell’anno mentre i prezzi delle singole applicazioni purtroppo sarebbero destinati a crescere ogni anno di circa il 14%.  Quindi, l’appetito degli utenti per le app è in crescita e non sembra destinato a fermarsi, inoltre la piattaforma di vendita Apple viene giudicata come leader del mercato delle applicazioni. In sostanza, dopo un primo periodo di ricorsa al prezzo più basso, oggi l’utente medio dei dispositivi iOS, è più portato a spendere per avere dei servizi aggiuntivi sul proprio telefono o tablet.

Grandi notizie quindi sia per gli sviluppatori ma sopratutto per Apple, che avrà un’entrata stimata di 538 milioni di dollari dalle vendite nell’App Store nell’anno 2011. Impressionanti anche le cifre delle medie giornaliere di download di applicazioni iOS, che si aggirano intorno ai 32,3 milioni al giorno, quasi il triplo della cifra giornaliera di brani scaricati tramite iTunes 11,9 milioni.

Un’interessante ricerca, condotta da Gene Munster, analista della banca d’affari Piper Jaffray, studia il mercato dei dispositivi di casa Apple e…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: