Android sta perdendo sviluppatori a causa di iOS

Da una recente ricerca di Flurry, una nota compagnia statunitense, emerge che nel corso del 2011 Android ha progressivamente perso l’appoggio degli sviluppatori. Quali sono le cause? Andiamo a vedere.

Secondo il grafico riportato qui sopra, gli sviluppatori nel corso dei primi due trimestri del 2011 sono andato progressivamente a concentrarsi su progetti relativi ad iPhone, iPod touch ed iPad, causando una vera e propria migrazione che è culminata col passaggio di Android dal 36% al 28% in termini di progetti avviati (cresciuto in generale dai 9’100 del primo trimestre ai 10’200 del secondo). Nel 2010, addirittura, Android si era trovato al 39% nel quarto trimestre.

Ma quali sono le cause di questo fenomeno? Flurry sostiene che il lancio dei più recenti dispositivi mobili targati Apple – ovvero l’iPad 2 e l’iPhone di Verizon – sia stato determinante. In particolare sarebbero l’enorme visibilità garantita dalle oltre 100’000 applicazioni ottimizzate per i 20 milioni di iPad venduti e le maggiori vendite garantite dall’avvento di un nuovo carrier i motivi che avrebbero spinto gli sviluppatori a spostarsi verso iOS. Per quanto riguarda l’iPhone Verizon, Flurry ritiene che l’apertura di Apple nei confronti di un carrier differente da AT&T – che in precedenza deteneva l’esclusiva per la vendita di iPhone sim-locked – abbia garantito a Cupertino la copertura di clienti necessaria ad impedire la crescita di Android; se Apple non avesse concesso la vendita di iPhone anche a Verizon, infatti, probabilmente sarebbe stato Android ad occupare la fetta di mercato di Verizon.

Dopo il lancio dei recenti terminali mobili Apple, quindi, sembra che l’ago della bilancia sia tornato con decisione tutto dalla parte dell’azienda di Cupertino, strappando con decisione mercato a Google ed al suo sistema operativo.

Via | 9to5mac

Da una recente ricerca di Flurry, una nota compagnia statunitense, emerge che nel corso del 2011 Android ha progressivamente perso…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: