Secondo alcuni analisti l’era dell’iPod potrebbe essere alla fine

Nonostante quest’anno sia il decimo anno dalla nascita del primo iPod, i dati di vendita non sono entusiasmanti e alcuni analisti vociferano che potremmo ben presto vedere sparire questo prodotto. Le previsioni di vendita nel terzo trimeste del 2011 sono, infatti, al ribasso e non si evidenziano segnali di ripresa.

Secondo CNN Money, Apple detiene ancora il 70% delle vendite di lettori mp3 del mercato, ma i dati di vendita sono in netto calo rispetto al passato e solo l’iPod Touch copre il 50% delle vendite di iPod dello scorso anno. I dati evidenziano che il picco massimo di vendite è stato toccato nel 2008 e successivamente è incominciato a scendere in maniera costante, anche in conseguenza dell’introduzione dell’iPhone e dell’iPad, che permettono entrambi di riprodurre musica.

Oltre a questo, si deduce che le vendite di iPod scenderanno del 7,2% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, confermando il trend di decrescita. Se la previsione degli analisti è corretta sarà curioso capire quali modelli verranno eliminati.

L’iPod Touch è molto utilizzato per le applicazioni oltre che per la musica e infatti suoi dati di vendita sono migliori rispetto agli altri modelli. Lo Shuffle, secondo le opinioni,  non sarebbe una grande perdita, mentre il Nano, che non duplica le funzionalità di un iPhone o di un iPod Touch, comporterebbe una perdita di vendite sostanziale in quanto è considerato molto funzionale a vari scopi grazie sopratutto grazie alle dimensioni ridotte  (corsa, fitness, ecc).

In funzione della quota di mercato detenuta da Apple sembra comunque improbabile che la fascia iPod venga totalmente abbandonata, ma sarà interessante capire quali saranno le scelte future sui modelli che hanno rivuoluzionato il modo di ascoltare musica.

Via | appadvice

Nonostante quest’anno sia il decimo anno dalla nascita del primo iPod, i dati di vendita non sono entusiasmanti e alcuni…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: