DashCode Guides #4 – Condivisione con Xcode (Parte II): Trasferire App sviluppate con l’SDK sull’iPhone

Rieccoci ancora al nostro appuntamento settimanale con le Guide DashCode. Oggi trasferiremo la nostra App Nativa che abbiamo realizzato la settimana scorsa, sul nostro iPhone/iPod Touch e faremo in modo che tutto funzioni perfettamente.

Requisiti:

  • Developer Tools 3.0 (Xcode, DashCode, iPhone Simulator)
  • iPhone/iPod Touch 2.x.x Jailbroken
  • Cyberduck 3.0
  • MobileTerminal (installato sul nostro iPhone/iPod Touch)

Obiettivi:

  • Compilare un’App Nativa
  • Rendere funzionante un’App Nativa sviluppata attraverso SDK, ma senza licenza regolare di sviluppatore iscritto ad AppStore

Procedimento:

1. Apriamo Xcode, da qui riapriamo il nostro progetto creato nella scorsa guida.immagine-143

2. Ora finiremo la nostra opera di personalizzazione. Modifichiamo il file Info.plist, e in particolare la stringa corrispondente a Icon File. Qui scriviamo icon.png.immagine-49

3. Con un programma di grafica creiamo l’icona dell’applicazione, che dovrà avere le seguenti dimensioni: 60 * 59. Successivamente trasciniamo questo file nella colonna sinistra di Xcode. Alla richiesta di qualche impostazione, selezioniamo come qui sotto:

immagine-57

4. Ora la nostra applicazione è pronta per essere compilata. Salviamo tutto e andiamo al passo seguente.

immagine-76

5. Dobbiamo rendere la nostra App compatibile con i nostri iPhone e quindi spostiamo Active SDK su Device – iPhone OS 2.0 e Active Build Configuration su Release.

immagine-66

6. Premiamo il tasto Build e Xcode impiegherà qualche secondo o minuto al massimo per compilare la nostra applicazione. Entriamo nella cartella di progetto dove è salvata l’App e più precisamente nel percorso: “iSpazio/build/Release-iphoneos/”.

immagine-314

7. Scegliamo il file con il nome dell’eseguibile, in questo caso iSpazio. Trasferiamolo via SSH nel nostro iPhone/iPod Touch nella cartella  ?/Applications. Settiamo i permessi a 755.immagine-85

8. Prendiamo l’iPhone è lanciamo MobileTerminal (per chi non lo possedesse, è un’applicazione scaricabile gratuitamente da Cydia).

img_000410

9. Da MobileTerminal eseguiamo il login come root. Scriviamo “su root” e poi alla richiesta della password “alpine” (durante l’inserimento di queste lettere non vedremo nessun carattere, non preoccupatevi, è classico dei sistemi UNIX).

img_000113

10. Una volta fatto questo dobbiamo fare il download di un package da internet. Perciò scriviamo “apt-get install ldid”. Seguiamo le istruzioni finché non abbiamo completato l’installazione di questo package.

img_000210

11. Adesso scriviamo “ldid -S /Applications/iSpazio.app/iSpazio”, premiamo invio, e il gioco è fatto! L’applicazione è stata certificata.

img_000315

12. Chiudiamo MobileTerminal, torniamo in prima pagina e vediamo l’icona della nostra App.

img_000510

13. Premiamo l’icona e vedremo che la nostra applicazione funziona correttamente. Ricordiamoci che siamo partiti da una WebApp sviluppata con DashCode.

img_1716

Questa era l’ultima fase del progetto di oggi. Abbiamo ottenuto un’App Nativa funzionante che mostra una breve anteprima di tutti i contenuti che vengono pubblicati su iSpazio, anche senza una licenza regolare di sviluppatore iscritto ad AppStore.

Se aveste problemi, potete scaricare il file di progetto

Mentre se ne aveste bisogno, qui c’è la guida in formato PDF

* N.B.: Tutte queste operazioni sono state eseguite con un iPhone 2.2 e un SDK per iPhone OS 2.0. E’ altamente probabile che alcune delle operazioni qui spiegate non siano più possibili con le nuove versioni del software! *

Con questo concludo e vi saluto. Grazie a tutti dell’attenzione,

Andrea Corsini per iSpazio.net

Rieccoci ancora al nostro appuntamento settimanale con le Guide DashCode. Oggi trasferiremo la nostra App Nativa che abbiamo realizzato la…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: