Secondo un esperto, il sistema di antenne dell’iPhone 4S violerebbe alcuni brevetti Samsung

Il professore danese Gert Frølund Pedersen, che sosteneva di aver previsto il famoso “antennagate”, pensa ancora una volta che Apple potrebbe avere dei problemi riguardo il sistema di antenne del nuovo iPhone. Quest’anno però la causa dei problemi sarebbe la violazione di alcuni brevetti Samsung.

L’esperto danese afferma che il nuovo sistema wireless implementato nell’iPhone 4S sarà sufficiente a risolvere i problemi riscontrati con la versione precedente dello smartphone Apple. D’altro canto si chiede se la società californiana abbia i permessi per poter utilizzare la soluzione studiata.

Pedersen e altri studiosi dell’Aalborg University pensano che Apple incorrerà in ulteriori questioni legali riguardo i brevetti che i professori vendettero a Samsung nel  2007. Il sistema che prevede la commutazione automatica tra le due antenne, sarebbe infatti già stato brevettato.

Il professore afferma che non ci sono molti modi per ottenere lo switching tra due antenne, quindi pensa che  il sistema studiato da Apple sia presumibilmente simile a quello pensato da loro. E’ doveroso notare che non si hanno molte informazioni circa il reale funzionamento del sistema delle due antenne di Apple, a parte ciò che si legge dal sito ufficiale:

iPhone 4S è il primo cellulare capace di alternare in modo intelligente due antenne in trasmissione e ricezione, migliorando la qualità delle chiamate. 

Pedersen aggiunge inoltre che il sistema multi-antenna è stato già usato in passato nei telefoni cordless DECT.

Via | 9to5Mac

Il professore danese Gert Frølund Pedersen, che sosteneva di aver previsto il famoso “antennagate”, pensa ancora una volta che Apple potrebbe avere…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: