Buon Compleanno iPod | Riflessioni personali

Il 23 Ottobre del 2001 Steve Jobs presentò un dispositivo che avrebbe cambiato letteralmente il nostro modo di ascoltare la musica e che ha dato il via a una luga serie di successi commerciali per la casa di Cupertino.

Naturalmente parliamo di iPod, il papà di tutti gli iDevice, il primo e unico lettore musicale in grado di vendere milioni di pezzi in tutto il mondo. Un successo planetario che è riuscito ad entrare nella quotidianità di moltissime persone diventando il fedele compagno con cui ascoltare musica mentre ci si sposta, oppure mentre si pratica sport, o anche solo per cercare un momento di tranquillità nel caotico vivere di tutti i giorni.

Il primo modello di iPod (quello che vedete nella foto) era un bellissimo “mattoncino” in policarbonato di colore bianco, dotato di un HD da 1,8″ prodotto dalla Toshiba dalla capienza di 5GB e che poteva essere gestito esclusivamente con Mac. Il dock connector ancora non esisteva e allora per collegarlo al Mac si sfruttava una comodissima e anche velocissima presa FireWire che consentiva velocità di trasferimento sorprendenti (almeno per l’epoca).

Per il prezzo tenetevi forte perchè il “nonnetto” costava la bellezza di 1.200.000 Lire (si proprio loro) che riescono a far passare in secondo piano anche i circa 900€ richiesti oggi da Apple per iPhone 4s 64GB. La scatola era qualcosa di spaziale con delle dimensioni più vicine a uno scatolone che alle odierne confenzioni in plastica ultrasottile.

Bisogna dire che una volta le cose si facevano decisamente meglio e all’interno della confezione si trovava praticamente di tutto, anche i CD per installare iTunes. Come potete vedere dalla foto poco sopra era tutto più grande, il caricatore era simile a quello dei Mac odierni, e anche la manualistica era qualcosa di decisamente ingombrante. Quello che i vecchi proprietari di iPod ricorderanno con piacere era la cura per i dettagli che Apple mostrava nel creare le proprie confezioni, io mi ricordo che addirittura venivano inseriti i tappi per i cavi USB/DOCK o come in questo caso per proteggere le estremità del cavo FireWire.

A mio modesto modo di vedere i primi iPod (il primo in particolare) suonavano decisamente meglio di quelli attuali, anche se avevano il limite delle dimensioni ingombranti e del peso eccessivo se confrontato con quelli odierni. Bisogna dire che nel corso degli anni Apple ha saputo cambiare iPod a seconda di come cambiava lo stile di vita dei propri clienti, e proprio per questo ha diviso il prodotto iPod in tantissimi altri sottoprodotti che noi tutti conosciamo bene e che forse hanno decretato la fine del capostipite.

Attualmente gli iPod più “giovani” hanno tolto lustro e vendite al mitico Classic e prodotti come iPod Nano e iPod Touch hanno fagocitato le vendite degli altri iPod (Classic e Shuffle) perchè decisamente più completi e più versatili rispetto gli altri 2.

E a noi vecchi possessori di iPod cosa rimane di questi 10 anni? Personalmente è un pochino che ci penso, e mi sono risposto semplicemente ripensando ai bellissimi momenti che ho passato insieme a uno dei miei iPod, momenti in cui mi sono divertito, momenti in cui ero triste e ho pianto, altri momenti in cui il mondo mi sembrava cadere in testa, ci sono state albe, tramonti, baci, lacrime, passione, noia, apatia, malattia, riflessioni e momenti in cui odiavi tutto e tutti… stranamente, e forse stupidamente, in tutti questi momenti avevo un iPod sempre con me.

Vi lascio con il video del Keynote 2001 in cui Steve Jobs presentava questo fantastico prodotto.


Buon Compleanno iPod, e grazie per tutto quello che hai saputo regalarmi in questi 10 anni.

Il 23 Ottobre del 2001 Steve Jobs presentò un dispositivo che avrebbe cambiato letteralmente il nostro modo di ascoltare la…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: