Distruggerò Android perchè è un prodotto rubato: il giudizio di Steve Jobs nella sua biografia

La biografia di Steve Jobs, in uscita tra pochi giorni, non è semplicemente la storia di un uomo, ma è lo straordinario percorso di un personaggio fuori dal comune che ha incontestabilmente segnalato la storia dell’informatica con i suoi colpi di genio. A questo proposito, risulta interessante il giudizio di Steve Jobs su Android.

Quando Google lanciò ufficialmente il suo primo sistema operativo mobile, chiamato appunto Android, il CEO di Apple non riuscì a contenere lo sdegno pronunciando queste frasi, riportate anche nella biografia ufficiale:

Combatterò fino all’ultimo respiro e spenderò ogni centesimo dei 40 miliardi di dollari di Apple per rispondere a questo torto. Distruggerò Android, perchè è un prodotto rubato. Farò anche una ‘guerra termonucleare’, se necessario”

Steve Jobs, in un incontro con Schimidt, sottolineo:

Non voglio i tuoi soldi. Anche se Google mi offrisse 5 miliardi di dollari, io non li accetterei. Ho un sacco di soldi. Quello che voglio, veramente, è che voi smettiate di copiare le nostre idee, integrandole in Android. Questo è tutto quello che voglio”.

La rivalità tra Apple e Google risale al 2007, quando Cupertino ha presentato la prima generazione di iPhone (gennaio 2007) e Mountain View il suo sistema operativo Android (novembre 2007). In quell’anno, Eric Schmidt era un membro del consiglio di amministrazione Apple, per volere dello stesso Jobs, ma due anni più tardi diede le sue dimissioni accentuando le ostilità tra le due potenze. Il disappunto di Jobs, secondo quanto scritto nella biografia, scaturiva dalle anologie e somiglianze tra Nexus One (smartphone prodotto da HTC e marchiato Google) ed iPhone.

Via| Slashgear

La biografia di Steve Jobs, in uscita tra pochi giorni, non è semplicemente la storia di un uomo, ma è lo straordinario…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: