L’iPhone 5 non avrebbe portato ad una frammentazione per le maggiori dimensioni dello schermo ma per via della risoluzione

Come riportato negli ultimi giorni, sembrerebbe che l’iPhone 5 con schermo da 4 pollici fosse reale ma Apple, in primis Steve Jobs, temeva la frammentazione che uno schermo di dimensioni maggiori avrebbe portato. Chiariamo che il vero motivo di una probabile frammentazione non è dovuto alle dimensioni dello schermo, ma alla risoluzione di quest’ultimo.


Steve Jobs è sempre stato contrario alla frammentazione del sistema operativo Android, disponibile per diversi cellulari, per differenti schermi, eccetera. La paura dell’Ex-CEO era quella di dover costringere gli sviluppatori a riscrivere tutte le loro app per un nuovo dispositivo e rendendole compatibili con i precedenti.

La questione non è infatti la grandezza del touchscreen, in quanto sviluppare un’app per un dispositivo da 3.5 pollici con risoluzione 960×640, ed un altra per schermo da 4 pollici sempre 960×640 di risoluzione, è la medesima cosa.

Il problema per gli sviluppatori si avrebbe solo nel caso in cui lo schermo da 4 pollici avesse 1280 × 720 di risoluzione. Proprio questa infatti avrebbe portato Jobs ad accantonare il progetto di un nuovo schermo per iPhone di dimensioni maggiori. Infatti per mantenere la stessa densità di pixel presente sul Retina Displey dell’iPhone 4, si doveva come minimo utilizzare una risoluzione di 1280 × 720, con conseguente frammentazione del mercato delle app.

Steve Jobs ha quindi ritenuta prematura la scelta di adottare un nuovo schermo da 4 pollici sul nuovo dispositivo, lasciando agli sviluppatori il solo problema di adattare le app di iPhone EDGE, 3g e 3GS ai nuovi dispositivi, iPhone 4/4S ed iPad.

Voi cosa ne pensate?

Via | Tipb

 

Come riportato negli ultimi giorni, sembrerebbe che l’iPhone 5 con schermo da 4 pollici fosse reale ma Apple, in primis…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: