Battery Test iOS 5.0.1: si può e si deve fare di più | Riflessioni Personali

Dopo aver riportato la mia personalissima esperienza in un articolo su iPadevice ho deciso di riproporla anche su iSpazio e quindi vi parlerò di iPhone, e nello specifico del mio iPhone 4S e del mio iPhone 4. Come saprete bene Apple ha rilasciato da qualche giorno un aggiornamento di iOS, parliamo di iOS 5.0.1, che tecnicamente doveva sistemare i molti problemi che gli utenti lamentavano con i propri iPhone, ma che in realtà ha risolto veramente poco… ecco la mia esperienza.

Iniziamo subito dicendo che sono uno tra i pochi fortunati a non avere problemi di batteria con il mio iPhone 4s, riesco tranquillamente ad arrivare a fine giornata con una buona percentuale di batteria (intorno al 40%) e con notifiche (facebook,twitter, ispazio, whatsapp) e wifi sempre attive. L’unica cosa che non è attiva sul mio iPhone è il Bluetooth, per il resto non mi faccio mancare nulla.

Ma in tutta questa “bella storiella” c’è un però, una nota dolente che coinvolge il mio iPhone 4 che da qualche giorno riposava bello beato nella sua scatolina. Ho deciso di testare con mano i tanti problemi che molti di voi lamentavano e ho quindi deciso di creare un clone del mio 4S installando sul mio 4 il backup che avevo messo nel mio nuovo melafonino e che proveniva da un precedente iOS 4.x. Il risultato è stato semplicemente catastrofico, una durata che definire “ridicola” sarebbe semplicemente riduttivo. I guai iniziano sin dai primi minuti di utilizzo (proprio come iPad) con la batteria che cala di circa il 10% dopo pochi minuti e dopo aver visitato qualche sito o letto la posta, nulla di particolarmente impegnativo, tutte cose che uno smartphone dovrebbe fare tranquillamente.

Bisogna dire che il mio iPhone 4 ha la batteria nuova perchè è stato sostituito da poco con un modello completamente rimesso a nuovo da Apple, quindi con batteria cambiata e usata solo per qualche giorno. Anche ripristinando e attivandolo come nuovo dispositivo il risultato non cambia, anzi se è possibile peggiora anche, costringendomi a continue ricariche durante il giorno.

Ora le cose sono 2: o siamo tutti visionari e pretendiamo troppo da un dispositivo che costa qualcosina come 700€, oppure il problema è reale e andrebbe risolto nel migliore dei modi. Leggo che ora Apple ha pensato bene di far uscire un nuovo FW che andrebbe a risolvere completamente questo fastidioso problema, ma secondo me il vero problema risiede nelle forniture del componente hardware e quindi nelle batterie che evidentemente sono state clamorosamente sopravvalutate quando si è trattato di scegliere i componenti dei nuovi modelli di iPhone.

In giro per il web leggo cose assurde, gente che usando iPhone per quello che realmente dovrebbe essere (uno smartphone) non riesce ad arrivare neanche all’ora di pranzo, e che per tirare avanti fino a sera è costretto a più di una ricarica.

Come detto in precedenza il mio 4S non ha questo tipo di problemi ma mi ritengo una mosca bianca in questo mare di “lacrime”. Non è da me creare allarmismi o puntare il dito, ma penso solo che questa cosa deve assolutamente essere sistemata perchè non è giusto che una persona si ritrova con un telefono “castrato” che per svolgere il suo dovere deve sempre essere attaccato a un caricatore, mi domando a cosa serve fare telefoni fini e ultraportatili se poi ci dobbiamo sempre portare il caricatore dietro.

Scusate lo sfogo e qualche parola un pochino colorita ma tutti noi meritiamo qualcosa di più da parte di Apple riguardo questo nuovo sistema operativo tanto acclamato.

Dopo aver riportato la mia personalissima esperienza in un articolo su iPadevice ho deciso di riproporla anche su iSpazio e…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: