L’Unione Europa richiede documenti aggiuntivi per convalidare l’accordo tra Google e Motorola

Il provvedimento non rappresenta, allo stato attuale, un ostacolo insormortabile alla felice conclusione della trattiva. L’Unione Europa ha infatti semplicemente richiesto dei documenti aggiuntivo al fine di avere una visione più chiara dell’operazione che porterà il colosso delle ricerche online ad acquisire il produttore di dispositivi tecnologici Motorola e i suoi 17 mila brevetti.

Al momento i rapporti tra Google e l’organo europeo non sembrano essersi incrinati, ma al contrario sembra prevalere un clima idiallico e collaborativo. Dopo quanto affermato da un portavoce dell’organo europeo –  “alcuni documenti sono essenziali per valutare l’operazione” – è subito arrivata una rassicurazione da Mountain View attraverso un proprio rappresentante che ha fatto sapere che l’azienda ha la massima fiducia nell’operato dell’Unione Europea. Non sembrano quindi esserci dei rallentamenti alla tabella di marcia stilata da Motorola, secondo la quale la chiusura della trattativa dovrebbe avvenire nel 2012.

 L’acquisizione permetterà a Google di mettere le mani su circa 17 mila brevetti, circostanza quest’ultima davvero molto importante, strategicamente parlando, per gli obiettivi futuri del motore di ricerca online. Infatti attualmente Apple si trova a fronteggiare un causa contro Motorola che al momento vede quest’ultima in grande vantaggio, dal momento che un giudice tedesco ha predisposto il blocco, non ancora effettivo, delle vendite di iPhone e iPad in europa.

Via | Macitynet

Il provvedimento non rappresenta, allo stato attuale, un ostacolo insormortabile alla felice conclusione della trattiva. L’Unione Europa ha infatti semplicemente…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: