Flop&Flop: le 6 idee definitivamente tramontate nel 2011

Nel settore hi-tech le idee vanno e vengono. Quelle buone di solito rimangono ed iniziano a brillare soltanto dopo che le cattive fanno la loro uscita di scena.

Nel 2011 molte idee sono tramontate ma voglio parlavi di quelle 6 che, a mio parere, hanno influito di più su i trends del settore hi-tech:

1) Flash sugli Smartphone: quest’anno, Adobe ha finalmente ammesso di aver bloccato lo sviluppo futuro di Flash per cellulari. Ora tutti noi possiamo smettere di fingere che il supporto Flash sia stata una grande vittoria per Android.

2) Hp, Motorola, RIM, e la start-up Kno hanno dovuto prendere atto che produrre tablets che facciano meno di iPad ma allo stesso prezzo, è un fallimento.

3) Google ha dovuto accettare il fallimento dei vari Buzz, Wave, e delle aziende acquistate Dodgeball e Slide, nessuna di queste idee ha mai impensierito Facebook. Ecco che si è inventata Google+, che, con i suoi 40 milioni di utenti, sembra funzionare.

4) Nokia ha smesso di attendere e di guardare gli altri:  fuori Symbian dentro Windows ed ecco che le quote di mercato tornano a salire.

5) Google Latitude, Facebook Places e Gowalla hanno accettato il fatto che nessuno può battere Foursquare nelle guerra dei “check-in”. Tutte le centinaia di imitazioni sono avvisate.

6) I Netbook forse avevano un senso prima che iPad facesse il suo ingresso sul mercato. Quest anno colossi come Microsoft, Acer e Dell hanno chiaramente fatto capire che punteranno sugli Ultrabook (i futuri competitors del Macbook Air).

Nel bene o nel male, in quasi tutte queste idee abbandonate, riesco a vedere l’ombra di casa Apple, un dato di fatto che sottolinea ancora di più come il colosso di Cupertino influenzi tutti i trends del mercato tecnologico mondiale.

Voi cosa ne pensate?

 

Nel settore hi-tech le idee vanno e vengono. Quelle buone di solito rimangono ed iniziano a brillare soltanto dopo che…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: