Guida al Downgrade per passare dal Firmware 3.0 al Firmware 2.2.1 utilizzando un Mac | iSpazio

ispazio-downgrade-iphone-firmware-30-a-221-mac

Più volte vi abbiamo invitato a non installare la versione Beta del firmware 3.0. Malgrado i diversi articoli però, qualcuno l’ha fatto, ed ora non riesce più a tornare indietro. Come vi dicemmo, il downgrade è possibile e non è nemmeno tanto difficile da eseguire, ma non ci assumiamo responsabilità nè vi invogliamo a provare questo nuovo firmware con la consapevolezza che si può tornare indietro. E’ dedicato agli sviluppatori, e c’è un motivo ben preciso per questo. Detto ciò, corre l’obbligo di aiutare  tutte quelle persone (e sono tante) che hanno lasciato commenti disperati su iSpazio in cerca di una guida per tornare al vecchio firmware 2.2.1. Vediamo insieme tutti i passaggi da eseguire con Mac, che sono leggermente più complessi di quelli per Windows:

Requisiti:

  • Firmware 2.2.1 originale sul desktop del vostro Mac. Qui trovate le versioni per tutti i dispositivi.
  • Le librerie incluse in iRecovery
  • QuickPwn 2.2.5 per Mac
  • Un HUB USB per entrare correttamente in DFU
  • Piccolissime conoscenze sull’applicazione “Terminale” inclusa in ogni Mac

Guida:

1. Come prima cosa, mettete l’iPhone in DFU. Per farlo, bisogna collegarlo al mac e spegnerlo, poi dovrete cliccare il tasto Home e quello di Accensione contemporaneamente per 10 secondi esatti. Subito dopo, rilasciate il tasto Accensione continuando a premere Home per altri 10 secondi.

dfu-iphone-003

2. Una volta entrati in DFU, lo schermo dell’iPhone sarà tutto nero ed iTunes farà apparire un pop-up di notifica. Date l’Ok e cliccate il tasto ALT della tastiera mentre con il mouse andrete a premere su quello “Ripristina” di iTunes. Si aprirà una finestra, dalla quale dovrete selezionare il firmware 2.2.1 originale che avete scaricato sul vostro desktop.

3. Le cose non sono cosi semplici, in quanto mentre ripristinerete l’iPhone, vi verrà restituito un errore tra i seguenti: 1011, 1013, 1015. Tali errori riguardano un problema con la baseband (quindi non si otterranno in caso di ripristino di iPod Touch) che ora andremo a risolvere. Altri errori invece, (solitamente quelli 1600, 1601 o 1602) riguardano un errato inserimento della modalità DFU, quindi è probabile che a causa di un errore vi troviate in Recovery Mode, che non è sufficiente per un Downgrade. Semplicemente rileggete la guida dal punto 1, e provate a rientrare correttamente in DFU. Nota: Se siete su un Mac OSX 10.5.6 vi consigliamo di usare un Hub USB a causa degli errori con i driver del sistema, che non permettono di entrare in DFU.

sbloccare_iphone6

4. Per risolvere il problema della BaseBand, entra in gioco iRecovery, che usa direttamente il terminale. Prima di tutto bisogna estrarre l’archivio e spostare i due file “iRecovery” e “libusb-0.1.4.dylib” nella directory: “/usr/local/lib”. Tutte le cartelle sotto “usr” però, sono nascoste e quindi per aprirle bisogna servirsi del terminale. Vediamo come nel punto successivo.

5. Lanciate il terminale (si trova in Applicazioni > Utility) e digitate:

open /usr/local/lib

Si aprirà la cartella, e potrete spostare i due file al suo interno. Non appena cercherete di farlo però, vi apparire un pop-up, dal quale dovrete cliccare su autentica ed inserire la password di amministratore del sistema:

immagine-68

Se ci sono file da sostituire, fatelo pure. Poi proseguiamo settando i permessi a questi due file. Tornate quindi al terminale e digitate queste stringhe, ricordandovi di premere invio dopo ognuna:

chmod 777 /usr/local/lib/libusb-0.1.4.dylib
chmod 777 /usr/local/lib/iRecovery
/usr/local/lib/iRecovery -s

Si aprirà cosi la console di iRecovery, nella quale dovrete eseguire questo comando:

fsboot

Se la prima volta non accade nulla, scrivetelo nuovamente. A questo punto l’iPhone dovrebbe accendersi, ma se notate che si è bloccato, allora chiudete tutto, ri-aprite un nuovo Terminale e digitate: /usr/local/lib/iRecovery -s seguito dal   fsboot

6. A questo punto entra in gioco QuickPwn, che tramite un normalissimo “sblocco/jailbreak” del firmware, vi permetterà di utilizzare nuovamente il vostro iPhone, facendolo riconoscere da iTunes e concludendo il passaggio da 3.0 a 2.2.1. Per cui non vi resta altro che seguire tutti i passaggi della guida allo sblocco del firmware 2.2.1, che abbiamo scritto per voi un pò di tempo fa, e che trovate qui.

immagine-511

Aggiornamento: Se dopo il downgrade non avete campo e la rete visualizzate la scritta “Nessun Servizio”, potete risolvere in uno dei due modi consigliati agli utenti e che riportiamo di seguito con le loro parole:

Ciao, ho risolto!!!
Praticamente dopo tutta la procedura su ispazio, ho messo in DFU, ho aperto il terminale e ho digitato
/usr/local/lib/iRecovery -s poi invio e
fsboot
L’ho attivato tramite iTunes ed ha subito preso il segnale, poi con quickpwn ho effettuato il jailbreak ed ora va che è una goduria :-)
Grazie ancora.

(CC) iSpazio

Più volte vi abbiamo invitato a non installare la versione Beta del firmware 3.0. Malgrado i diversi articoli però, qualcuno…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, seguici su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter e su Instagram, pronti a sorprenderti con belle foto. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:Senza categoria
Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.