Prosegue la progettazione dell’impianto ecocompatibile in North Carolina

Dal punto di vista ambientale Apple sta cercando di fare veramente il possibile. Qualche settimana fa è stata infatti confermata la costruzione del nuovo data center nella cittadina di Maiden in North Carolina. Tale impianto servirà a gestire la crescente quantità di servizi online quali iCloud e sarà ecocompatibile tramite lo sfruttamento di fonti energetiche rinnovabili. Tra le varie intenzioni vi è quella della costruzione del più grande parco nazionale di pannelli solari e di celle a combustibile.

 

Il partner scelto per la costruzione dell’impianto sarebbe BloomEnergy, azienda californiana specializzata nella costruzione di sistemi a celle a combustibile come i noti Bloom Energy Server, generalmente chiamati Bloom Box. Tali “server” possono utilizzare una grande varietà di ingressi, compresi idrocarburi liquidi o gassosi prodotti da fonti organiche, per generare energia elettrica. Dotati di un’elevata efficienza sono caratterizzati da basse emissioni inquinanti.

Bloom, con sede a Sunnyvale per l’esattezza, ha già fornito celle a combustibile ad Apple, attualmente in funzione proprio nel noto campus. Il sito GigaOm ha effettuato alcune ricerche riguardo all’installazione di tale impianto da 5 megawatt e ha dichirato:

Bloom offre “server” in grado di fornire 100 kW e questo potrebbe tradursi in 50 Bloom Energy Server installati presso il futuro datacenter del North Carolina. Bloom ha già trattato con altre aziende per impianti di grandi dimensioni in Delaware, per la costruzione di un impianto di 30 MW e a San Jose per l’installazione di 12 “server” presso il campus Adobe.

Apple sta inoltre pubblicizzando il fatto che tali celle a combustibile funzioneranno a biogas e c’è da dire che Bloom ha una notevole esperienza in tale campo. Attualmente sia Adobe che eBay funzionano proprio su celle a combustibile Bloom alimentate a biogas.

Apple è chiaramente interessata a perseguire l’impiego di fonti energetiche rinnovabili per le sue strutture, laboratori e soprattutto per i centri di elaborazione dati, visto il grande fabbisogno energetico richiesto.

Via | MacRumors

Dal punto di vista ambientale Apple sta cercando di fare veramente il possibile. Qualche settimana fa è stata infatti confermata…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: