Apple si aggiudica un brevetto per la gestione delle chiamate perse

Nuovo brevetto in casa Apple, il solito Ufficio Brevetti e Marchi Americano ha, infatti, accolto 23 richieste pervenute dalla società californiana. Tra queste, una in particolare ha attirato la nostra attenzione “Gestione delle Chiamate Perse”.

Il brevetto riguarda dispositivi elettronici portatili ed in particolare, dispositivi mobili, tra cui telefoni, che sono in grado di garantire comunicazioni multiple. La funzione oggetto del brevetto riguarda la gestione delle chiamate perse e i seguenti aspetti:

  • Un metodo computerizzato per visualizzare una lista di chiamate perse, fornendo per ognuna di esse informazioni sul relativo contatto, attraverso il quale è inoltre possibile individuare la chiamata selezionata dall’utente.

 

  • Un sistema che oltre a rilevare il contatto mediante dito della porzione dello schermo che corrisponde ad una chiamata persa nella lista in questione, avvia una chiamata del contatto. Inoltre, attraverso un tap su una seconda porzione dello schermo, il sistema fornisce diverse informazioni sul contatto in questione.

Come confermato da Steve Jobs in occasione del lancio del primo modello di iPhone, il melafonino è coperto da circa 200 brevetti. Effettivamente, in passato una certa attenzione è stata posta su quei brevetti che riguardavano la tecnologia multi-touch impiegata da Apple e che sono anche stati oggetto di diversi contenziosi. Oggi, la situazione sembra essere cambiata, dal momento che la società californiana sembra aver deciso di proteggere le tecnologie utilizzate per la gestione del modulo telefono e la relativa interfaccia.

Via | PatentlyApple

Nuovo brevetto in casa Apple, il solito Ufficio Brevetti e Marchi Americano ha, infatti, accolto 23 richieste pervenute dalla società…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: