Parse esce dalla fase beta con 10.000 sviluppatori a bordo

Parse, la società che semplifica il processo di sviluppo di applicazioni mobile soprattutto per quanto riguarda il lato server, esce oggi dalla fase beta.

 

10.000 sviluppatori utilizzano Parse tra cui 955 Sogni, che ha sviluppato diverse app tra cui Band of the Day. A quanto riporta Parse, sembrerebbe che stia fortemente crescendo del 40% ogni mese.

“Ultimamente c’è questa tendenza ad appoggiarsi a servizi web per creare applicazioni” ha detto Tikhon Bernstam, che ha co-fondato Parse. “Il passo successivo è la piattaforma cloud dedicata alle applicazioni mobile”

Con l’uscita di beta, Parse sta introducendo alcuni prezzi per l’accesso. E’ un modello freemium, con accesso gratuito per un massimo di 1 milione di richieste API, 1 milione di notifiche push o 1 GB di archiviazione file. Dopo di che si dovrà pagare una quota pari a 199$ al mese per un massimo di 15 milioni di richieste API, 5 milioni di notifiche push o 5 GB di memoria. C’è anche un altro prezzo più alto riservato alle imprese, da definire tramite un accordo tra società e sviluppatore.

“Prima di Parse si passava il 90% del tempo a costruire le diverse basi, piuttosto che concentrarsi a costruire le applicazioni che si volevano creare” ha detto Kevin Lacker, co-fondatore di Parse.

Via | TechCrunch

Parse, la società che semplifica il processo di sviluppo di applicazioni mobile soprattutto per quanto riguarda il lato server, esce…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: