L’interminabile guerra legale dei brevetti tra Samsung e Apple potrebbe presto finire?

Secondo alcune indiscrezioni, la guerra legale dei brevetti che vede coinvolte Apple e Samsung, potrebbe voltare pagina. Infatti sembrerebbe che le due aziende si siano incontrate per cercare di firmare un armistizio.

Nonostante il co-fondotare di Apple Steve Jobs espresse apertamente le sua ostilità nei confronti di tutti i dispositivi che adoperavano Android come sistema operativo, dichiarando di essere pronto ad una “guerra termonucleare”, tra Cupertino e Seul sembrano esserci tentatitivi di rappacificamento  cercando di risolvere le dispute legali in corso. Nella nota biografia scritta da Walter Isaacson, Jobs sostenne che Android era un “prodotto rubato” e che avrebbe cercato di fermarlo.

A rivelarlo è la rivista Bloomberg Businessweek, che con il suo ultimo numero dal titolo ” La guerra di Apple su Android”, fornisce un dettagliato racconto di come nacquero le vicende legali di Apple nei confronti di una serie di produttori Android quali Samsung, Motorola e HTC. Citano fonti vicine all’azienda, l’articolo dichiara inoltre di una serie di recenti incontri avvenuti tra le due aziende, nei quali si sarebbe parlato di una potenziale intesa.

Il CEO di Apple Tim Cook, potrebbe quindi cambiare la direzione perseguita dal suo predecessore, nonché co-fondatore Steve Jobs, e a detta dell’autore M.Barrett “Cook vede le battaglie legali come un male piuttosto che una veicolo per fare vendetta”. Apple ha recentemente rivelato in una corte di tribunale di aver già incontrato quattro volte nel 2010 i funzionari di Samsung, nel tentativo di evitare il contenzioso brevettuale. Lo stesso Jobs prese parte a quei colloqui ma i problemi non furono risolti e Apple presentò una denuncia contro l’azienda coreana nel mese di Aprile 2011.

Via | Appleinsider

Secondo alcune indiscrezioni, la guerra legale dei brevetti che vede coinvolte Apple e Samsung, potrebbe voltare pagina. Infatti sembrerebbe che…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: