I commenti di Steve Jobs riguardo la “guerra termonucleare” potranno essere usati come prova nel processo tra Apple e Motorola

Sebbene il processo debba ancora cominciare, il giudice ha già emesso delle ordinanze e posto delle limitazioni a riguardo per entrambe le parti e, secondo quanto riporta Reuters, Posner ammetterà come parte del processo i vari commenti di Steve Jobs riguardo Android che sono stati riportati ufficialmente nella sua biografia scritta da Walter Isaacson.

Come tutti saprete, Steve Jobs durante l’arco della sua vita ha espresso diversi pareri negativi nei confronti di Android, quali “Spenderò ogni singolo istante della mia vita ed ogni singolo centesimo degli oltre 40 miliardi di dollari di Apple per dimostrare che sono stati scorretti” ed anche “La mia intenzione è di distruggere Android, perchè è un prodotto rubato. Sono disposto ad avviare anche una guerra termonucleare se necessario”.

In tutti i vari processi che Apple ha avuto, questo genere di commenti sono sempre stati estraniati, ma a quanto pare il giudice Posner ha deliberato che Google Motorola potrà tranquillamente utilizzarli a suo favore. Date le frasi molto colorite, i legali di Apple avevano cercato di difendersi affermando che “il CEO era molto irritato dal comportamento adottato da Google”, pertanto la richiesta era di “impedire a Motorola di sfruttare le affermazioni rilasciate nella biografia redatta da Walter Isaacson”.

Secondo voi è giusta o sbagliata la decisione del giudice di offrire la possibilità di utilizzare i commenti negativi del defunto Steve Jobs riguardo il sistema operativo concorrente Android?

Via | 9to5Mac

Sebbene il processo debba ancora cominciare, il giudice ha già emesso delle ordinanze e posto delle limitazioni a riguardo per…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: