Apple coinvolta nel 60% delle principali azioni legali riguardo brevetti di dispositivi mobile

Quando Steve Jobs presentò nell’ormai lontano 2007 il primissimo modello di iPhone a tutto il mondo pronunciò una frase, forse conscio di ciò che sarebbe venuto dopo: “and boy have we patented it” (e sì, l’abbiamo brevettato, min. 7:27). Ed aveva ragione: quei brevetti a cui si riferiva sono sempre stati centro di centinaia di azioni legali in tutto il mondo. Secondo un nuovo report infatti, Apple sarebbe al centro del 60% di tutte le dispute per brevetti mobile.

La notizia arriva dal Kanzatec IP Group, un’agenzia di consultazioni con base a Wichita, in Kansas. Bloomberg, noto portale di notizie americano, infatti riporta:

Con la sua crescita nel mercato globale e il gran quantitativo di denaro in mano per possibili accordi, Apple sta diventando un bersaglio per i titolari di brevetto sempre più grande e invitante. “Speculerei che Apple continuerà ad essere al centro della mappa di litigio (l’immagine soprastante, n.d.a.) delle più grandi compagnie IT mobile fino a quando manterrà il suo posto dominante nel mercato”, riferisce Feisal Mosleh, il senior vice president di Kanzatec.

Ma Apple non gioca solo sulla difesa in questa guerra: la maggior parte delle volte è proprio l’azienda di Cupertino ad iniziare delle battaglie. Per citare un’altra frase di Steve Jobs, proveniente dalla sua biografia:

Combatterò fino all’ultimo respiro e spenderò ogni centesimo dei 40 miliardi di dollari di Apple per rispondere a questo torto. Distruggerò Android, perchè è un prodotto rubato. Scatenerò una guerra termonucleare, se necessario.

Negli ultimi due anni, Apple ha vinto una serie di ingiunzioni in vari continenti, vietando le vendite di prodotti di Samsung, HTC e Motorola e, a giudicare dallo stato delle cose, non ha intenzione di fermarsi a breve.

 Via | iDownloadblog

Quando Steve Jobs presentò nell’ormai lontano 2007 il primissimo modello di iPhone a tutto il mondo pronunciò una frase, forse…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: