Apple utilizza l’UDID per combattere l’hack degli acquisti In-App

L’hack scovato da un informatico russo permette di scaricare i contenuti In-App senza procedere con il regolare pagamento. Apple si è subito messa al lavoro per rimediare alla falla e sembra finalmente esserci riuscita.

Inizialmente Apple ha tentato di bloccare gli indirizzi IP dei server russi che permettevano di scaricare i contenuti illegalmente, ma Alexey Borodin, l’hacker russo responsabile di tutto, ha migrato i servizi su server situati in paesi offshore.

Adesso, invece, pare che la sicurezza dell’In App Purchasing sia migliorata grazie all’inclusione di un identificativo all’interno delle ricevute di convalida. Alcuni sviluppatori hanno affermato che le ultime ricevute hanno un nuovo campo denominato “unique_identifer”, che sembra contenere lo Unique Device Identifier (UDID).

Probabilmente questo è un primo passo per l’implementazione di un protocollo che inibisce l’intromissione di server non autorizzati nella procedura di acquisto In-App. Non è da escludere la possibilità che Apple stia tentando di identificare tutti quegli utenti che hanno scambiato o stanno ancora scambiando informazioni con i server dell’hacker russo.

Via | MacRumor

L’hack scovato da un informatico russo permette di scaricare i contenuti In-App senza procedere con il regolare pagamento. Apple si…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:
Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.