Apple chiede la vittoria a tavolino del processo contro Samsung ma il giudice non accetta

Come sapete, nei giorni scorsi, Samsung ha presentato al giudice alcuni documenti per dimostrare che Apple ha copiato il design del’iPhone dai progetti di Sony. I documenti sono stati esclusi dal processo  e Apple ha richiesto al giudice la vittoria a tavolino.

Apple chiese di escludere dal processo i documenti di Samsung e ci è riuscita presentando un documento del 2005 dove viene mostrato un prototipo di iPhone col nome in codice Purple, simile all’attuale modello iPhone 4/4S.

Dimostrato che le prove presentate da Samsung non sono attendibili, la società di Cupertino ha chiesto al giudice che il processo fosse interrotto proprio a causa della fuga di prove non ammesse al processo. Apple ha chiesto ufficialmente la sconfitta di Samsung a tavolino oppure una serie di sanzioni alternative.

Il giudice Lucy Koh, che presiede il processo di Apple e Samsung, ha bocciato la richiesta di Apple per la chiusura del processo e la vittoria della società californiana. La richiesta prevedeva però anche il pagamento di sanzioni dovute al comportamento scorretto dei legali del colosso sud coreano.

Il giudice potrebbe ancora chiedere a Samsung di pagare queste sanzioni dovute al comportamento scorretto ed irrispettoso. In ogni caso, secondo molti osservatori ed esperti legali statunitensi, la vicenda ha messo in cattiva luce Samsung, che risulta indebolita. Prossimamente il processo continuerà con la deposizione di Phil Shiller.

Via | Macity

Come sapete, nei giorni scorsi, Samsung ha presentato al giudice alcuni documenti per dimostrare che Apple ha copiato il design…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: