Può un iPhone più grande fermare l’avanzata dei dispositivi Android oversize?

La crescita di Android nel settore degli smartphone ha registrato cifre impressionanti tanto da arrivare a detenere quote di mercato elevatissime, a scapito degli altri produttori. Fra questi vi è anche Apple che nonostante gli ottimi risultati registrati, detiene con iOS una piccola fetta di mercato rispetto a quella di Android.

Ad eccezione degli Stati Uniti dove la quota di Android è scesa del 4,5 % a favore di una crescita di iOS di quasi il 9%, il software mobile di Big G è cresciuto notevolmente. Ad effettuare l’indagine è stata la società di ricerche di mercato Kantar Worldpanel ComeTech, di proprietà di WPP. I risultati della ricerca evidenziano come Android sia grande in Europa e la sua quota di mercato è stata costantemente in crescita negli ultimi due mesi arrivando a segnare in alcuni paesi, un incremento della quota di oltre il 5o%.

Questo aumento della popolarità di Android è stato apparentemente guidato dai dispositivi denominati “jumbo-sized”, ovvero quelli dotati di schermi con dimensioni superiori ai 4 pollici. Considerando che la quota di mercato sembra favorire la tendenza verso smartphone più grandi, la scelta di Apple di rilasciare un iPhone con un display maggiore dell’attuale potrebbe rivelarsi la scelta giusta?  Secondo l’indagine di Kantar si, in quanto negli ultimi tre mesi, quasi un terzo di tutti i dispositivi venduti avevano uno schermo di oltre 4,5 pollici.

Android ora detiene circa i due terzi del mercato degli smartphone in Europa con una crescita di circa del 20% di anno in anno. Altrove, Android è sempre da considerare un successo in termini di quota di mercato ma i risultati maggiori sono registrati in Spagna, 86,8% contro il solo 2,9% di iOS e Germania, 75% contro il 13,3% dell’iPhone.

Come si può notare dal grafico riportato qui sopra, sembra esserci una interessante correlazione tra le dimensioni dello schermo e le funzionalità usate dai possessori; gli smartphone jubo-sized favoriscono la navigazione web e la visione di video rispetto ad dispositivo con schermo più piccolo. Secondo Kantar, più le persone interagiscono con il loro dispositivo, più è probabile che essi rimangano fedeli al marchio.

TechCrunch, analizzando i dati della ricerca, riporta:

negli otto più importanti mercati Android detiene una quota del 61%, iOS del 24% mentre tutti gli altri hanno quote del cinque per cento o meno.

Un sondaggio effettuato da iDB, evidenzia come su un campione di intervistati, il 32% di loro desidererebbe un display di quattro pollici, che dovrebbe diventare il nuovo gold standard per l’iPhone, il 25 % desiderano uno schermo in stile Galaxy S2 a 4,3 pollici, mentre solo una frazione degli intervistati (circa il 7%) vorrebbe uno schermo da 4,8 pollici come l’S3.  L’iPhone, fin dalla sua introduzione nel gennaio del 2007, ha montato uno schermo da 3,5 pollici che alcune persone ritengono troppo piccolo per godere appieno dei film, navigazione web, fotografie e altri contenuti.

Secondo i rumors, lo schermo della prossima generazione di iPhone dovrebbe essere più alto e solo marginalmente più ampio, consentendo comunque una facile navigazione anche con una sola mano. Secondo voi è questo il momento giusto per l’iPhone di rinnovarsi con uno schermo più grande o la scelta di tenere fino adesso uno schermo da 3,5 pollici è stato un grave errore che potrebbe penalizzare Apple anche in futuro? Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti.

Via | idownloadblog

La crescita di Android nel settore degli smartphone ha registrato cifre impressionanti tanto da arrivare a detenere quote di mercato…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, seguici su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter e su Instagram, pronti a sorprenderti con belle foto. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:
Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.