L’ex CEO afferma: Google ed Apple risolveranno i problemi “come gli adulti”

Sono semplici e dirette le dichiarazioni di Eric Schmidt, presidente esecutivo di Google, rilasciate al Wall Street Journal. Apple e Google dovranno affrontare le situazioni in maniera più autoritaria e “adulta”. Andiamo a leggere di seguito le informazioni più dettagliate sulla vicenda.

Dal momento che Google lancia sul mercato sempre più smartphone e tablet con sistema operativo Android, è facile capire che presto dovrà fare i conti con l’altro colosso mondiale: le Apple. La voglia dei media di ricalcare queste profonde differenze può talvolta essere ripetitiva.

La stampa, tuttavia, ha sbagliato tutto” dichiara il presidente esecutivo di Google Eric Schmidt al Wall Street Journal. Il motivo? “Le imprese devono essere seguite più come se fossero paesi, con incontri diplomatici e cose di questo tipo” Eric Schmidt continua spiegando che per portare avanti un’ attività a dovere e in maniera “adulta”, la si deve gestire come se fosse un paese. Nonostante le dispute, la cosa principale è lo scambio reciproco di informazioni.

Schmidt si dice confuso quando la Apple aveva apportato cambiamenti in iOS 6: “Avremmo ovviamente preferito che usassero le mappe”. Ha continuato parlando delle controversie sui brevetti che sono in corso tra Apple e le società che utilizzano il sistema operativo Android: “Apple e Google sono a conoscenza delle strategie legali sia dell’uno che dell’altro”. Continua dicendo: “E’ strano che Apple abbia deciso di citare in giudizio i partner di Google e non Google stessa”.

Una buona domanda da porsi è: Google è troppo grande per essere citata in giudizio da Apple? O questo ciclo di piccole battaglie è volto a portare alla “guerra termonucleare” di cui Steve Jobs parla ampiamente nella propria autobiografia?

In entrambi i casi se ci soffermiamo un attimo a riflettere, anche Apple e Samsung fanno ancora affari tra di loro nonostante le intense guerre giuridiche.

Via | Cult of Android

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: