Apple in lotta con Microsoft richiede il 30% degli introiti di SkyDrive

Questa volta è SkyDrive, il servizio di storage online di Microsoft, ad essere il motivo della battaglia del momento fra Apple e Microsoft, due società che dalla loro nascita sono state perennemente antagoniste, se non in qualche sporadica occasione. La contesa si basa questa volta su questioni puramente economiche.

SkyDrive è il servizio di cloud storage di Microsoft che offre 7 GB di spazio online in maniera del tutto gratuita. Secondo il sito The Next Web le due aziende sono in combutta per una situazione legata ai ricavi ottenuti con l’app di iOS del servizio di cloud di Microsoft. Questa, ad oggi, non permette di incrementare il proprio spazio web tramite acquisti in-app, anche se permette la sottoscrizione di un nuovo account in maniera gratuita.

Apple sembra che abbia bloccato un update dell’app di SkyDrive su iOS in quanto Microsoft si rifiuta di condividere il 30% degli introiti generati dalle sottoscrizioni avvenute attraverso l’app di iOS. Si ipotizza inoltre che, in risposta a tale rifiuto, Microsoft si sia rifiutata di aggiornare la propria app su App Store, non offrendo, di fatto, alcun supporto alla nuova risoluzione dello schermo di iPhone 5. Nemmeno l’app OneNote ha ricevuto aggiornamenti sino ad oggi.

Comunque Microsoft ha cercato di giungere ad un compromesso: in sostanza ha mandato su App Store un update di SkyDrive che non permette all’utente la sottoscrizione di alcun account, ma Apple sembra stia perdendo tempo nella fase di approvazione dello stesso. Microsoft, dal canto suo, si rifiuta di approvare la strategia di Apple per quanto riguarda le sottoscrizioni in quanto l’accordo continuerebbe anche se gli utenti iscritti da dispositivi Apple utilizzassero tale servizio su altri dispositivi mobile.

Questa situazione coinvolge anche alcune app di terze parti che utilizzano l’SDK LiveConnect per le app di iOS che salvano alcuni contenuti su SkyDrive. Alcuni update di queste app sono stati rifiutati per motivi simili. Microsoft non ha ancora rilasciato commenti specifici anche se sul thread di discussione relativo all’argomento Shelly Guo ha informato che la società è consapevole delle regole di App Store, e di essere in contatto con la società di Cupertino per trovare un accordo.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: