Grave falla di sicurezza trovata nei processori Exynos, Galaxy S3 e Note 2 inclusi

Un thread nel celeberrimo forum di XDA Developers ha riportato un pericoloso bug all’interno dei processori Exynos 4 di Samsung, che potrebbe permettere ad un’applicazione di avere il totale controllo sui contenuti archiviati nel dispositivo.

android-broken

XDA Developers è un forum che tratta principalmente di argomenti relativi al “tweak” di dispositivi mobile. È uno dei principali forum sull’argomento, in cui ogni “smanettone” è entrato almeno una volta in cerca di guide per installare “ROM moddate” al proprio dispositivo, o personalizzazioni nel software. È lì che Android ha trovato terreno fertile negli ultimi anni grazie alle sue grandissime potenzialità per quanto riguarda la personalizzazione stessa.

Uno dei più attivi membri del forum di XDA Developers, alephzain, avrebbe trovato una gravissima falla di sicurezza all’interno dei SoC Exynos 4 di Samsung. I processori più sensibili a tale bug sono rispettivamente l’Exynos 4210 e il 4412, che in dispositivi non “moddati”, con ancora il loro sistema operativo e relativo kernel originale, potrebbero esporre pesantemente il dispositivo ad eventuali attacchi esterni.

Sfruttando la falla, infatti, un utente malintenzionato potrebbe avere l’accesso in scrittura e lettura alla memoria fisica del dispositivo, con evidenti rischi e problemi per il possessore dello stesso. Secondo Chainfire però c’è del buono in tutto questo: infatti sfruttando la falla è possibile accedere ai permessi di root (con un APK, un file di installazione, che ha creato) esponendo però il dispositivo ad ulteriori rischi.

I dispositivi esposti al bug sono:

  • Samsung Galaxy S III
  • Samsung Galaxy S II
  • Samsung Galaxy Note
  • Samsung Galaxy Note II
  • Samsung Galaxy Note 10.0
  • Samsung Galaxy Tab 7.0 Plus
  • Meizu MX

Non resta che aspettare un commento ufficiale da parte di Samsung, magari con un possibile fix per una sperata soluzione definitiva al grave problema.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: