Dimezzate le richieste Apple ai server di Google dopo l’avvento di iOS 6

Come tutti noi sappiamo, fin da quando Siri esiste, l’assistente vocale di Apple recupera le informazioni sul web. Piper Jaffray ha testato a fondo il funzionamento di Siri ed ha notato che, con l’introduzione di iOS 6, Apple è riuscita a ridurre del 50% le richieste ai server di Google. Vediamo nel dettaglio in che modo.

Test Siri

Come possiamo vedere dalla tabella, i valori percentuali comparati tra iOS 5 ed iOS 6 sono cambiati. Il caso più evidente è quello di Google ed il nuovo servizio Mappe di Apple. La risposta a questo cambiamento è abbastanza elementare, ma cerchiamo di capire nel dettaglio in che modo si sono spostate le informazioni richieste prima a Google.

L’analista Gene Munster, giovedì scorso ha dichiarato:

Il più grande cambiamento nella richiesta di query a Google, risiede nella rimozione di Google Maps da iOS 6, dal momento che ora il 23% delle risposte sono fornite dalle Mappe di Apple. Anche Yelp e Yahoo ne hanno beneficiato un po’ dalla rimozione di Google Maps. Tuttavia vediamo tutto ciò come un fattore negativo per i consumatori, in quanto consideriamo che le nuove Mappe di Apple siano di qualità inferiore rispetto a quelle di Google.

E’ inoltre stato notato che alcuni miglioramenti in Siri ci sono stati: in iOS 5, Siri ha capito l’89% delle domande poste in un ambiente tranquillo, ma in iOS 6 la percentuale sale al 91%. Per quanto riguarda invece la correttezza delle risposte, con iOS 5 era del 76%, migliorando di 1 punto percentuale in iOS 6.

 I test su Siri non si sono limitati a calcolare le percentuali di risposte ottenute da ogni singola azienda esterna ad Apple, ma è stata fatta anche una comparazione con il suo stretto avversario: Google Now.

Siri Test

Com’è possibile notare, Siri sembra battere leggermente Google Now, per correttezza delle risposte e per comprensione.

Munster afferma:

Sembra che i due assistenti vocali siano comparabili tra loro in termini di comprensione delle domande e di correttezza delle risposte. Nel nostro test, Siri ha compreso il 91% delle domande in un ambiente tranquillo rispetto a Google Now, il quale ne ha comprese invece l’88%. In termini di precisione, abbiamo stabilito che Siri ha risposto alle domande con una precisione del 77%, rispetto al 75% di Google Now.

Secondo Munster, i punti di forza di Siri sono i comandi a livello di sistema operativo e la ricerca in locale, mentre quelli di Google Now sono  la navigazione e il recupero di informazioni sul web. Infatti Siri è in grado di controllare, ad esempio, i comandi per riprodurre, mettere in pausa o scegliere una data canzone ma, sempre secondo Munster, queste capacità verranno rese disponibili presto anche su Google Now.

Una delle aree in cui sia Siri che Google Now mancano, è quella del commercio. Munster crede infatti che le due aziende in futuro potrebbero stringere accordi con importanti protagonisti del commercio, come Groupon o Living Social, in modo da offrire maggiore assistenza al consumatore.

Via | AppleInsider

Come tutti noi sappiamo, fin da quando Siri esiste, l’assistente vocale di Apple recupera le informazioni sul web. Piper Jaffray ha…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: