Apple pronta a concorrere ad un nuovo record: quello dei crimini a New York!

Gli ultimi dati riguardanti la criminalità a New York City sembrano essere confortanti. Infatti questa sembra essere diminuita da tutti i punti di vista, e per quanto riguarda tutte le tipologie di crimine possibili. Tranne una…

iphonetheft

Apple è un’azienda decisamente viva negli ultimi anni, siglando record di vendite importanti nel mondo della tecnologia. Di certo questo di cui vi stiamo parlando non è uno di quei record di cui andare fieri, ma è un segnale del fatto che i dispositivi di Cupertino siano piuttosto ambiti negli States.

Sembra che, a fronte di risultati decisamente confortanti in tutti gli altri settori, Apple stia trainando il mondo della criminalità in quel di New York City. Fino alla scorsa domenica, nella città hanno avuto modo d’esserci 94 omicidi in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con un calo di circa il 20%: nel 2011 sono avvenuti, infatti, 515 delitti.

Sono diminuiti anche gli scontri a fuoco, di circa l’8,5%, e le vittime delle sparatorie del 10%. Tuttavia il tasso di criminalità generale è incrementato del 3% rispetto allo scorso anno. Il motivo? L’aumento dei furti dei dispositivi Apple!

La criminalità globale in questi cinque distretti è in crescita del 3% dall’inizio dell’anno, trainata dai furti dei prodotti Apple. Se i furti dei prodotti Apple fosse rimasta invariata staremmo vivendo un lieve calo della criminalità all’interno della città (New York City).

Queste sono le parole di Paul Browne, il portavoce del dipartimento. Sicuramente non è un dato di cui andare fieri, ma che indubbiamente rivela il fatto che i prodotti Apple siano decisamente ambiti sul suolo americano, e non solo!

Via | iClarified

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: